Studenti e ricercatori

Bocconi-Politecnico, al traguardo i primi laureati del Master of science in Cyber risk strategy and governance

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Rodrigo Messina, Alexandra Blia e Giacomo Minello sono i primi laureati del Master of Science in Cyber Risk Strategy and Governance, il corso di laurea specialistica in inglese nato dalla partnership tra Università Bocconi e Politecnico di Milano, con il sostegno di sei corporate partner (Cisco, Kpmg, Intesa SanPaolo, Ntt Data, Spike Reply, Vodafone), per fornire agli iscritti le competenze per valutare, governare e gestire rischi e opportunità relativi all'ambito digitale e dell'innovazione tecnologica.

Il corso
Il programma - diretto da Greta Nasi, docente del Dipartimento di Scienze sociali e politiche della Bocconi - è nato per rispondere all'esigenza di creare figure professionali innovative e che ha avuto un immediato successo, basti pensare che seppur non ancora laureati il 50% degli iscritti ha già un lavoro e questo nonostante gli ostacoli posti dalla pandemia.

Gli obiettivi
«Abbiamo oggi i primi laureati di questo programma che offre agli studenti l'opportunità di sviluppare un approccio multidisciplinare sulla gestione del cyber risk, di estrema rilevanza per imprese operanti nei diversi settori», dice il direttore della Scuola Graduate della Bocconi, Antonella Carù. «Il programma ha un valore simbolico importante perché evidenzia la capacità di collaborazione nell'integrare le migliori competenze di due eccellenze italiane come Bocconi e Politecnico».
«Il digitale rappresenta una componente strategica del Pnrr e uno degli ambiti sui quali l'Europa investe maggiormente per ritrovare unità e competitività. In un mondo digitale, la sicurezza informatica diventa fondamentale per molti settori come i trasporti, l’energia, la sanità e la finanza. A questa dobbiamo fare fronte con nuove competenze che sappiano analizzarne i rischi e le opportunità non solo dal punto di vista tecnico, ma economico e sociale», ha commentato Donatella Sciuto, Prorettore Vicario del Politecnico di Milano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA