Studenti e ricercatori

Alleanza tra università e impresa per formare i manager digitali del futuro

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Cyberoo Spa, Pmi innovativa quotata su Aim Italia, specializzata in cyber security per le imprese, ha avviato una collaborazione che la vedrà partecipare, come membro del Comitato di indirizzo, al corso di laurea in “Innovazione e imprenditorialità digitale” presso la facoltà di Economia e Giurisprudenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, campus di Cremona.

La convezione prevede il contributo attivo di Cyberoo nella definizione e realizzazione di lezioni, seminari e project work che valorizzeranno il percorso accademico dei futuri manager, anche con l'esperienza sul campo mediante stage e tirocini formativi in azienda.Forte di una qualificata esperienza nei campi della digital transformation e della cyber security che l'ha portata a operare a fianco di numerose aziende e multinazionali, Cyberoo punterà a definire insieme all'Università Cattolica nuove linee di ricerca volte al trasferimento tecnologico nell'ambito della sicurezza informatica, attraverso un processo di sensibilizzazione dei giovani e contribuendo alla formazione di risorse altamente specializzate in ambito IT.

«Siamo costantemente impegnati nella ricerca e selezione di profili professionali estremamente qualificati – ha dichiarato Veronica Leonardi, executive board member e Cmo di Cyberoo – che spesso il mercato non riesce a fornire. È anche per questo che abbiamo stipulato la convenzione con l'Università Cattolica, al fine di contribuire attivamente al percorso di studi dei manager digitali del futuro. Cyberoo non è nuova a iniziative di questo genere – prosegue Leonardi – ne abbiamo avviata una simile in Ucraina, con l'Università di Ternopil, ma questa con la Cattolica, nel campus di Cremona ci rende ancora più soddisfatti e orgogliosi perché è la prima che attiviamo con un'università italiana. In azienda disponiamo di competenze distintive e complementari nel campo dell'intelligenza artificiale, machine learning e cyber security e per questo siamo certi di poter trasferire ai giovani studenti quelle conoscenze necessarie in grado di trasformarli in valide risorse specialistiche che il mercato dell'economia digitale oggi richiede».

«L'economia digitale – spiega il professor Fabio Antoldi, coordinatore del corso di laurea in Innovazione e imprenditorialità digitale dell'Università Cattolica - richiede nuove figure professionali: giovani talenti che sappiano unire conoscenza delle tecnologie e voglia di innovare, preparandosi attraverso percorsi in cui università e imprese collaborino attivamente. Per questo siamo contenti di avere Cyberoo come partner della nostra nuova laurea magistrale in “Innovazione e imprenditorialità digitale”. Siamo sicuri che questa impresa innovativa, giovane ma già internazionale, darà un contributo importante sui temi della sicurezza informatica e della digital transformation. La loro esperienza sarà preziosa per la formazione e la crescita dei nostri studenti».

La convenzione si inserisce in uno scenario caratterizzato da un “ritardo digitale” che, stando ai dati 2020 della Commissione europea, vede l'Italia classificarsi agli ultimi posti in Europa per quanto riguarda il livello di digitalizzazione del sistema economico e il conseguente ritardo anche sul fronte delle competenze digitali.

Ne soffre anche il rapporto spesa in R&S/Pil, per il quale il nostro Paese è molto al di sotto della media Ue, distante da economie quali Germania, Austria o Finlandia. Con il nuovo corso di laurea magistrale attivato dalla Cattolica, la sfida sarà colmare progressivamente questo ritardo ma anche coniugare saperi diversi e competenze tecnico-scientifiche inerenti digitalizzazione e cyber security, a conferma della necessità di una formazione sempre più ampia, trasversale e super specialistica.

L'appuntamento è fissato per settembre prossimo, data di inizio delle lezioni, che si terranno nella storica cornice del monastero di Santa Monica a Cremona.


© RIPRODUZIONE RISERVATA