Famiglie e studenti

“Fare Scuola”: Enel Cuore onlus e Fondazione Reggio Children per nuovi spazi di apprendimento negli ambienti scolastici

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Enel Cuore e “Fondazione Reggio Children - Centro Loris Malaguzzi” proseguono il loro impegno di vicinanza al territorio accelerando il progetto “Fare Scuola”. Nell'ultimo biennio, dal 2019 al 2020, sono stati realizzati 17 interventi di riqualificazione architettonica e pedagogica degli spazi scolastici di altrettanti istituti primari e dell'infanzia delle periferie del Paese. Di questi, 10 sono stati ultimati nel 2020 in piena pandemia da Covid 19, a conferma della forte sinergia tra Enel Cuore e la Fondazione Reggio Children, che ha favorito la crescita del progetto nonostante il periodo di emergenza sanitaria.

Le ultime riqualificazioni hanno interessato gli istituti di Napoli, La Spezia, Genova, Valle Castellana (TE), Belluno, Cittareale (RI), Pinerolo (TO), Taranto. Inoltre, sono stati completati gli interventi a Sesto San Giovanni (MI) e Palermo, sostenuti da Enel Cuore anche con il contributo di Enel Energia.

Michele Crisostomo, presidente di Enel ed Enel Cuore dichiara: «Siamo orgogliosi di aver contribuito, insieme a Fondazione Reggio Children, a creare un modello di riferimento per l'educazione delle generazioni future. Enel Cuore è da sempre impegnata nel contrasto all'abbandono scolastico e alle disuguaglianze educative: la pandemia ha evidenziato ancora di più la necessità di progetti come Fare Scuola, che considera l'ambiente scolastico non solo un luogo per lo sviluppo pedagogico del bambino, ma anche uno spazio dove creare relazioni inclusive, avvalendosi sempre di più dello strumento digitale. In questi mesi abbiamo compreso le fragilità ma anche le straordinarie potenzialità di un sistema educativo che può, e deve essere, volano dello sviluppo sostenibile del nostro Paese».

Carla Rinaldi, Presidente di Fondazione Reggio Children afferma: «Ritrovare coraggio, protagonismo e identità della scuola nelle periferie, è questo l'obiettivo che avevamo con “Fare Scuola” insieme a Enel Cuore. Questo obiettivo si è rafforzato durante l'esperienza pandemica, con altri dieci interventi terminati. E' successo di più. L'idea della scuola come grande laboratorio che esprime questo progetto partecipato, si è rivelata molto preziosa sia per chi ha potuto continuare le attività in presenza, in questi spazi flessibili e molto attrezzati, sia per la didattica a distanza. Con le scuole, le comunità e gli architetti abbiamo progettato idee, perché le scuole alzassero la propria possibilità, esprimessero qualcosa di nuovo e di diverso».


© RIPRODUZIONE RISERVATA