Personale della scuola

Concorso docenti, raddoppiano i posti Stem

di Claudio Tucci

Raddoppiano i posti del concorso «light» per le discipline scientifiche “Stem”, che da 3mila salgono a 6.129. La novità dell’ultima ora è contenuta nel decreto legge 73/2021 (Sostegni bis) pubblicato martedì scorso in Gazzetta ufficiale (serie generale n. 123 del 25 maggio 2021).

Alle cattedre originarie, tutte afferenti alle secondarie superiori, si sono aggiunte le 3.124 cattedre di matematica e fisica alle scuole medie. Le classi di concorso che andranno a selezione passano così da 4 a 5, con queste consistenze: 282 posti riguardano la fisica (A020), 1.005 la matematica (A026), 815 la matematica e fisica (A027), 903 per scienze e tecnologie informatiche (A041), e le restanti 3.124, come detto, sono per la matematica e fisica alle medie (A028). Secondo i tecnici di palazzo Chigi, che hanno fortemente voluto l’accelerazione dei concorsi nella scuola, anche e soprattutto per inserire giovani laureati in cattedra, si stimano circa 60mila candidati complessivi.

Questa selezione (si veda Sole24Ore del 19 maggio) è l’anticipazione del concorso ordinario da 46mila posti bloccato da oltre due anni, anche per la pandemia.

Alla luce della normativa sui concorsi pubblici approvata recentemente (decreto legge 44 del 2021), la procedura “Stem” sarà piuttosto rapida: c’è una prova scritta a risposta disciplinare multipla e un orale, poi si procederà con la graduatoria. L’obiettivo, aggiungono dall’esecutivo, è assumere quanto prima su queste materie, visti gli ampi vuoti di organico stabile nell’area scientifica, e alla luce anche delle misure di rafforzamento delle discipline scientifiche e tecnologiche previste dal Pnrr.

Scendendo nel dettaglio, la prova scritta verterà sulle discipline della classe di concorso, su informatica e sulla lingua inglese. La prova si svolgerà al pc, nelle sedi individuate dagli Uffici scolastici regionali, e consiste in 50 quesiti (40 classe di concorso, 5 informatica, 5 inglese). Per la classe di concorso A027, matematica e fisica, i 40 quesiti sono divisi a metà, 20 matematica, 20 fisica. Per la classe di concorso A028, matematica e scienze, i 40 quesiti sono divisi 20 matematica e i rimanenti 20 nell’ambito delle scienze chimiche, fisiche, biologiche e naturali. Ciascun quesito consiste in una domanda seguita da quattro risposte, delle quali solo una è esatta. Ogni risposta corretta vale due punti. Si prendono zero punti per le risposte non date o errate. La prova ha una durata massima di 100 minuti, e si supera con un punteggio di 70 su 100. Poi si passa all’orale, che si supera anch’esso con 70 su 100. Le graduatorie di merito dovranno essere pronte entro il 31 luglio; ai membri delle commissioni è riconosciuto un compenso aggiuntivo se centrano l’obiettivo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA