Famiglie e studenti

L’istituto “Scuola Europa” di Milano a lezione di Covid-19

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Il Covid-19 diventa oggetto di studio e approfondimento in una scuola superiore milanese attraverso un ciclo di dieci lezioni a distanza tenute, con la collaborazione dei docenti, da un ricercatore di Immunologia e biologiaapplicata per l'Università Statale e collaboratore dell'ospedale Luigi Sacco di Milano, il dottor Claudio Fenizia. L'iniziativa, organizzata dall'istituto onnicomprensivo “Scuola Europa” per tutte le classi del liceo linguistico e dello scientifico scienze applicate, intende formare i ragazzi con un approccio scientifico sulle caratteristiche del virus e le modalità attualmente conosciute di contagio, terapia e prevenzione. Gli argomenti trattati saranno inseriti in didattica all'interno dei programmi scientifici e potranno quindi essere oggetto di domande specifiche in sede di esame di maturità.


Le lezioni, cominciate nel pomeriggio di giovedì 16 aprile sulla piattaforma Zoom, prevedono una parte nozionistica di insegnamento e una dedicata alle domande dei ragazzi e alle discussioni di approfondimento, dando spazio tanto al Covid-19 quanto al contesto socio-economico globale all'interno del quale si è diffuso. I contenuti concordati dai docenti sono suddivisibili in due macro-aree, una dedicata ai Coronavirus e una agli scenari futuri, prossimi e remoti.


La prima analizza quanto è già stato scoperto dalla comunità scientifica internazionale rispetto a questa famiglia di virus, in particolare i patogenici che hanno effettuato il salto di specie e, adattandosi al nuovo ospite, aumentato infettività e letalità. In questo modulo si studia anche come la globalizzazione e i cambiamenti climatici stiano modificando le modalità di manifestazione delle epidemie.

Si passa poi a scoprire la biologia del Covid-19: cosa è, come infetta gli individui e le cellule, la differenza tra fase virale e fase infiammatoria, cosa sono i “correlati di morbilità” e le opzioni terapeutiche attualmente disponibili. La seconda area approfondisce le modalità di diffusione, i comportamenti da adottare per prevenire o ridurre il rischio di contagio come singoli individui e come collettività, i compromessi amministrativi ed economici che si prospettano nell'immediato futuro, l'importanza del rilascio di un vaccino e, infine, come prepararsi a eventuali nuove ondate di contagio o nuove pandemie. In queste lezioni viene anche affrontato il tema della disinformazione e delle fake news per fornire ai ragazzi delle linee guida su come riconoscere una fonte attendibile.


«Si tratta di un approfondimento fondamentale non solo per i maturandi che porteranno scienze come materia d'esame – spiegano Roberta Notarnicola e Roberta Ginese, presidi dei due licei di “Scuola Europa” - ma anche e soprattutto per tutti i ragazzi che si troveranno ad affrontare, nei prossimi mesi, una realtà necessariamente diversa da quella che hanno conosciuto finora. Il nostro compito è di fornire loro gli strumenti per affrontare il futuro da cittadini informati e consapevoli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA