Studenti e ricercatori

Università, notte europea della geografia venerdì in diretta streaming

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Venerdì 9 aprile 2021, in occasione della Giornata europea della geografia si terrà una manifestazione organizzata dal Dipartimento di Lettere e Culture moderne e i Corsi di laurea triennale in Scienze Geografiche per l'Ambiente e la Salute e magistrale in Gestione e Valorizzazione del Territorio della Sapienza Università di Roma, in collaborazione con l'Associazione italiana insegnanti di Geografia. La manifestazione è promossa da Eugeo (Association of Geographical Societies in Europe) e supportata dall'Unione Geografica Internazionale. Il tema scelto per il 2021 è Pachamama - Madre Terra, con l'intento di declinare anche in una prospettiva di genere argomenti e prassi proprie di iniziative di public geography come questa.

La manifestazione - organizzata con la partnership di Rai Cultura e di Rai Scuola e trasmessa in diretta streaming a partire dalle 17.30 - propone un ricco programma di iniziative con laboratori didattici, seminari, visite guidate, mostre e conferenze tematiche organizzate con i maggiori esperti del settore.

L'evento è pensato per avvicinare il grande pubblico ai temi della geografia e alle sue potenzialità scientifiche e formative con iniziative in tutta Italia e in altri Paesi europei.Ai saluti della rettrice Antonella Polimeni, della sottosegretaria all'Istruzione Barbara Floridia e del direttore del Dipartimento di Lettere e culture moderne Giovanni Solimine, seguirà il lancio della campagna del Wwf Italia e dell'Associazione italiana insegnanti di geografia 'Scuole che cambiano le proprie città. Per un censimento dei giardini scolastici', con gli interventi della presidente Wwf Donatella Bianchi, del presidente Aiig Riccardo Morri e del prorettore alla Sostenibilità della Sapienza Livio de Santoli.

Alle 18.30 andrà in onda sempre in diretta streaming il tour virtuale “Viaggiare al femminile. Percorsi nello spazio e nel tempo attraverso il patrimonio geo-documentale”di Sandra Leonardi, con la partecipazione del presidente del Polo museale Sapienza, Marcello Barbanera.

Nel corso dell'evento i partecipanti, attraverso il patrimonio geo-documentale conservato nella Biblioteca di geografia del Dipartimento di Lettere e Culture Moderne della Sapienza, avranno l'opportunità di conoscere la storia di viaggiatrici, esploratrici e geografe.Alle 19.30 si terrà l'evento “Cosa rimane della Pachamama? Tecnologie geografiche per il monitoraggio della deforestazione amazzonica”. La pandemia da Covid-19 ha temporaneamente spento i riflettori su una delle principali crisi del Pianeta: quella ambientale, sempre in corso e che tende a procedere con ritmi accelerati. In questa crisi, la deforestazione in Amazzonia è la metafora di una ferita inferta al “cuore” verde della Terra, in quegli stessi luoghi dov'è nato il culto della Pachamama. Tramite l'uso di satelliti e d'immagini multispettrali, la geografia può rivelarsi decisiva nel monitoraggio del disboscamento amazzonico.

Altri contributi, sempre realizzati in occasione della Notte Europea della Geografia alla Sapienza, saranno fruibili ugualmente a distanza a partire dal pomeriggio del 9 aprile 2021 sul canale youtube Aiig channel. Grazie alla collaborazione, tra gli altri, con CeSPI, Legambiente, Save the Children, Touring Club Italiano, si alterneranno fino alle 22.30 una serie di attività a distanza, alle quali sarà possibile partecipare gratuitamente iscrivendosi fino all'8 aprile al seguente link: http://bit.ly/nottedellageografia2021

Nei giorni successivi, la Rai realizzerà uno speciale su Pacha Mama - Notte Europea della Geografia 2021 che andrà in onda sui propri canali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA