Studenti e ricercatori

Tutte cinesi le migliori 5 università al mondo dei paesi emergenti

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Le università cinesi dominano la classifica 2021 degli atenei delle economie emergenti stilata dal settimanale britannico Times Higher Education (THE). La Cina è il primo paese al mondo ad assicurarsi tutti i primi cinque posti disponibili.

La top 5 tutta cinese
La Fudan University, arrivata al quarto posto, e la Shanghai Jiao Tong University, al quinto, scalano entrambe la classifica raggiungendo sul podio la Tsinghua University, la Peking University e la Zhejiang University, che occupano rispettivamente la prima, la seconda e la terza posizione. La Tsinghua University mantiene il primato per il terzo anno consecutivo. Nella top 10 stilata dal periodico britannico figurano anche altri due atenei della Cina continentale: la University of Science & Technology of China, arrivata al settimo posto, e la Nanjing University, al nono.

Le altre posizioni
La classifica 2021 degli atenei delle economie emergenti stilata dal settimanale britannico include gli atenei di stanza in Paesi o regioni del mondo classificate dal Financial Times Stock Exchange Group come “emergenti avanzati”, “emergenti secondari” o “di frontiera”. Un record di 606 università di 48 Paesi e regioni del mondo sono entrate quest'anno in classifica, 73 in più rispetto al 2020.
La Cina continentale ha inoltre stabilito un nuovo record, occupando fino a 12 posizioni tra le prime 20, grazie alla scalata della Southern University of Science & Technology, che ha raggiunto il 14/mo posto salendo di ben 16 posizioni in classifica rispetto allo scorso anno, alla Beijing Normal University, al 17/mo, e alla Tongji University, che si è appena aggiunta alla top 20 arrivando 20/ma.

Il ruolo della pandemia
Secondo il settimanale britannico, le università delle economie emergenti, con la Cina in testa, stanno migliorando a un ritmo molto più rapido degli atenei del resto del mondo che figurano nella classifica “THE World”. In totale, ben 91 università della Cina continentale figurano nella classifica 2021 degli atenei delle economie emergenti stilata dal periodico. Il risultato raggiunto nella prestigiosa classifica di THE, ha affermato Phil Baty, Chief Knowledge Officer di THE, è una testimonianza del successo degli investimenti compiuti dalla Cina nel settore dell'istruzione superiore. «La pandemia di Covid-19 ha provocato una serie di cambiamenti nel sistema dell'istruzione superiore, con molti che si rivolgono all'apprendimento e all'insegnamento online e un minor numero di studenti che viaggiano a livello internazionale», ha aggiunto Baty. «Non vediamo l'ora di vedere come si posizioneranno le università delle economie emergenti il prossimo anno e le opportunità che offriranno sia internamente che su scala globale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA