Studenti e ricercatori

Dalla normativa antincendio all’allungamento dell’anno accademico causa Covid: tutte gli slittamenti del milleproroghe

di Eu.B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Allungamento fino al 15 giugno 2021 dell’anno accademico 2019/20 causa Covid. Più tempo alle scuole e agli asili per adeguarsi alla normativa antincendio. Slittamento del concorso per gli insegnanti di religione cattolica. Sono le principali novità in materia di istruzione introdotte dal decreto milleproroghe lasciato in eredità dal governo Conte, che dopo l’ok della Camera passa al Senato per il via libera definitivo.

Proroga dell’anno accademico
Per effetto di un emendamento introdotto a Montecitorio il Dl n particolare, dispone che, in deroga alle disposizioni dei regolamenti di ateneo e delle altre istituzioni di formazione superiore – quali, ad esempio, le istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (Afam) e le istituzioni di alta formazione e di studio nel settore del restauro –, l'ultima sessione delle prove finali per il conseguimento dei titoli di studio relative all’anno accademico 2019/2020 è fissata al 15 giugno 2021 anziché come da tradizione al 31 marzo. Di conseguenza, è prorogato ogni altro termine connesso all'adempimento di scadenze didattiche o amministrative funzionali allo svolgimento delle stesse prove. Toccherà ai singoli atenei deliberare lo slittamento ed eventualmente all’esecutivo individuare delle forme di ristoro per gli atenei che potrebbero adesso subire un ammanco nei bilanci del 2021.

Abilitazione scientifica nazionale
Sempre in tema di atenei va segnalata una doppia proroga: dal 15 marzo al 31 maggio 2021 del termine per la conclusione dei lavori riferiti al VI quadrimestre della tornata di
abilitazione scientifica nazionale (ASN) 2018-2020; dal 30 giugno al 15 settembre 2021 del termine per l’operatività delle Commissioni nazionali già costituite per la medesima tornata.

Normativa antincendio
Slittamento in vista anche per l’adeguamento alla normativa antincendio. In particolare, passa dal 31 dicembre 2021 al 31 dicembre 2022 per le scuole e dal 31 dicembre 2019 al 31 dicembre 2022, per gli asili nido.

Insegnanti di religione cattolica
Un anno in più anche per bandire il concorso riservato agli insegnanti di religione cattolica che doveva arrivare entro il 2020 e che, causa pandemia, potrà ora arrivare al traguardo entro il 2021. La selezione dovrebbe portare al riempimento tra l’anno scolastico 2021/22 e il 2023/24 dei 5.789 dei posti vacanti e disponibili.

Valutazione degli apprendimenti
Sempre a causa del Covid il decreto estende a tutto quest’anno scolastico il regime di emergenza già applicato l’anno scorso secondo la valutazione - periodica e finale - degli apprendimenti acquisiti durante la didattica digitale integrata produce gli stessi effetti di quella svolta in presenza.

Edilizia scolastica
Dodici mesi in più (da fine 2020 a fine 2021) anche per il pagamento, da parte degli enti locali, dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza realizzati negli istituti scolastici statali.

Collaboratori scolastici
Il milleproroghe fa slittare poi dal 1° gennaio al 1° marzo 2021 il termine per l'assunzione nel profilo di collaboratore scolastico del personale delle imprese già impegnate nella pulizia delle scuole, dopo la maxi-stabilizzazione per oltre 11mila posti previsti dalla legge di bilancio 2020.

Personale comunale
Novità in vista anche per il personale scolastico dei comuni. Da un lato, viene prorogato
dal 30 settembre 2021 al 30 settembre 2022 il termine di validità delle graduatorie approvate negli anni dal 2012 al 2017 relative al personale scolastico, educativo e ausiliario destinato ai servizi educativi e scolastici gestiti direttamente dai comuni. Si
proroga inoltre al 30 settembre 2022 la validità delle predette graduatorie comunali in scadenza tra il 1° gennaio 2021 e il 29 settembre 2022.


© RIPRODUZIONE RISERVATA