Studenti e ricercatori

Studenti UniSalento vincono evento per 50 anni International computing center Onu

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

La squadra studentesca dell'Università del Salento ha vinto l'evento internazionale organizzato per i 50 anni dell'International computing center delle Nazioni Unite “Data for Good: Unicc global hackathon”, al quale hanno preso parte 54 università di tutto il mondo.

I vincitori hanno realizzato un modello predittivo sui movimenti dei rifugiati. Il gruppo è composto da Chiara Rucco ed Enrico Coluccia del corso di laurea di Computer engineering, Giulia Caso e Gianmarco Girardo del corso di Management engineering, Riccardo Caro del corso di Management digitale, assieme a Francesco Russo (Università di Roma La Sapienza) e Marco Greco (Politecnico di Torino), aggiunti come studenti esterni, coordinati dai docenti UniSalento Antonella Longo e Gianluca Elia.

«La gara, iniziata lo scorso 16 febbraio, prevedeva l'analisi dei dati di una delle tre challenge proposte: Covid-19 open challenge, un modello predittivo per la dislocazione dei rifugiati, la visualizzazione dei dati per il 75mo anniversario delle Nazioni Unite, con un risultato da produrre in 24 ore - spiega la professoressa Antonella Longo -. Il modello scelto ha predetto per il 2024, le nazioni di provenienza dei migranti che potrebbero ottenere lo status di rifugiato, dei richiedenti asilo e di coloro che potrebbero doversi ricollocare all'interno di una nazione. I risultati della predizione sono in linea con l'attuale situazione geopolitica mondiale, ma il modello ha predetto anche un potenziale flusso di rifugiati provenienti dalla Svezia. Questo risultato è stato apprezzato dalla giuria, in quanto il modello elaborato ha evidenziato un aspetto non direttamente riferibile dallo scenario attuale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA