Studenti e ricercatori

Atenei, gli universitari chiedono la proroga dell’anno accademico

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Le organizzazioni studentesche in tutte le sedi istituzionali del ministero dell'Università hanno richiesto la proroga dell'anno accademico per far fronte ai forti disagi causati dall'emergenza sanitaria. «Noi studenti universitari, dimenticati dalla classe politica del paese, stiamo continuando a vivere forti disagi a causa della pandemia - spiega Enrico Gulluni, coordinatore nazionale dell'Unione degli universitari - non solo psicologici o economici, ma anche legati alle attività didattiche. Nonostante la possibilità di svolgere lezioni ed esami a distanza, ci sono spesso ritardi nella programmazione, oltre che un forte rallentamento legato all'impossibilità di svolgere le attività di tirocinio, di laboratorio e di tesi per tutti e tutte».

«Gli universitari vivono nell'incertezza - denuncia Gulluni - Per questo come fatto lo scorso anno è necessaria una proroga dell'anno accademico. Bisogna tutelare tutte e tutti coloro che non riusciranno a laurearsi entro le scadenze prestabilite a causa di una situazione eccezionale che non dipende da loro, ma per la quale rischiano di pagare le conseguenze sia psicologiche che economiche».

Spiega Sofia Giunta, capogruppo dell'Udu in Cnsu: «Per questo motivo il Consiglio nazionale degli studenti universitari, nella seduta del 5 dicembre ha richiesto la proroga della sessione di laurea dell'anno accademico 2019/2020 fino al 15 giugno senza pagare ulteriori tasse per tutti i laureandi, ma nonostante ciò in ministero non c'è ancora in cantiere un provvedimento legislativo in questo senso che però non può più attendere».

«Il problema è stato sollevato già anche in alcune università, ma è essenziale l'intervento del ministero per evitare che ci siano disomogeneità tra i vari atenei d'Italia - continua Giunta - Per questo abbiamo chiesto appoggio a tutta la comunità accademica anche in Cun e, in ultima istanza, anche alla Crui, affinché le necessità di studenti e studentesse vengano finalmente ascoltate. Non possiamo più aspettare - concludono Gulluni e Giunta - Proroga subito!».


© RIPRODUZIONE RISERVATA