Studenti e ricercatori

Nella legge di bilancio 200 milioni per borse e tasse

di Eu.B.

Il diritto allo studio resta in cima all’agenda politica del ministro Gaetano Manfredi.Tra le richieste che il titolare dell’Università avanzerà in vista della prossima, imminente, legge di bilancio per il 2021 c’è il rifinanziamento (strutturale) degli interventi emergenziali previsti dal decreto Rilancio. Oltre 200 milioni, tra i 165 stanziati per aumentare la no taz area e ridurre le tasse (più 8 milioni per Accademie e conservatori) e i 40 destinati al rifinanziamento del diritto allo studio. Ma nelle sue intenzioni ( «e anche dell’intero governo», assicura l’ex presidente della Conferenza dei rettori) c’è quello di varare un intervento più ampio con le risorse del Recovery Fund. Il sostegno agli studenti sarà il fulcro del macroprogetto per aumentare il numero dei laureati italiani che sarà al centro della missione Istruzione, formazione e ricerca. Del resto le statistiche non lasciano scampo. Con il nostro 27,6% di giovani tra i 30 e i 34 anni in possesso di una laurea penultimi eravamo e penultimi restiamo nell’Ue. Peggio di noi fa solo la Romania.


© RIPRODUZIONE RISERVATA