Studenti e ricercatori

A Bologna al via bando per ricercatori tipo B

di Redazione Scuola

Il Consiglio di amministrazione dell'Alma Mater di Bologna ha autorizzato ieri 84 richieste di copertura ruoli presentate dai Dipartimenti relative all'impiego del piano straordinario 2020 per l'assunzione di ricercatori a tempo determinato di tipo B comunicato dal ministero dell'Università e della Ricerca.

Il ministero ha assegnato, in primavera, agli atenei il finanziamento relativo al piano straordinario 2020 per il reclutamento di ricercatori a tempo determinato di tipo B e all'Alma Mater sono stati destinati 84 posti, 5 in più rispetto al piano 2019.

L'ateneo si conferma al secondo posto tra gli Atenei italiani per questa assegnazione. Una manovra importante, spiega l'Alma Mater, che permetterà di ampliare le risorse di ateneo entro il 2021: i bandi saranno pubblicati a breve e le prese di servizio verranno effettuate entro novembre 2021.

Settantuno delle 84 posizioni sono state assegnate ai vari Dipartimenti sulla base di un algoritmo che misura il turn over e la performance nella didattica e nella ricerca da parte delle strutture; le restanti 13 posizioni sono state assegnate dal Cda sulla base di progettualità strategiche avanzate dai Dipartimenti stessi in linea con il Piano strategico d'Ateneo. Tutti i posti prevedono lo svolgimento di 60 ore di didattica frontale e in prevalenza il tempo pieno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA