Studenti e ricercatori

Luiss primo ateneo privato nella classifica del Censis

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

La Luiss si è attestata alla prima posizione nella classifica Censis tra le università non statali di medie dimensioni. Sale, così, sul gradino più altro podio dei migliori atenei, con meno di 10 mila iscritti, per: sviluppo internazionale, sostegno al merito, borse di studio, comunicazione e servizi digitali. Tre elementi sui quali la Luiss ha voluto puntare negli ultimi anni e che, nel pieno dell'emergenza Covid, ha saputo ancora di più valorizzare, con un ritorno positivo a doppia cifra delle domande di ammissione.

Richieste di iscrizione in aumento
In vista del prossimo anno accademico, infatti, la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali ha registrato, nonostante il Covid, un +13% di domande per i corsi di laurea magistrali e un +25% delle applications dall'estero, forte anche della spinta all'internazionalizzazione che vede ogni anno oltre 1600 studenti in mobilità, grazie a 313 accordi con Università Partner in 60 Paesi e 47 programmi di doppia laurea, Joint, LLM Educational Program, QTEM Masters Network e partnership strutturate. Numeri che raccontano quanto l'Ateneo ha saputo mettersi in gioco in un periodo così complesso.

Le attività durante il lockdown
Dal giorno successivo alla chiusura delle sedi, nella fase di lockdown, la Luiss non si è mai fermata, traslando l'intera attività didattica sul digitale e permettendo ad oltre 10mila studenti di frequentare lezioni, svolgere esami e sedute di laurea da remoto, grazie anche alla collaborazione con Cisco. Un periodo nel quale la comunicazione e i servizi digitali hanno giocato un ruolo determinante nel mantenere interazione continua tra tutta la comunità Luiss, studenti, professori, staff.Attenzione, dunque, a non lasciare nessuno indietro. Per questo, da maggio l'ateneo ha messo in campo un piano di misure di sostegno al merito, aumentando di 310 il numero delle borse di studio che si aggiungono alle oltre 700 già in programma, arrivando a un totale di 1.000. Una operazione ulteriore per stare al fianco di famiglie e studenti già iscritti e futuri immatricolati. Interventi questi, che si aggiungono ad altre agevolazioni economiche che l'ateneo offre anche in collaborazione con imprese e istituti bancari in questa fase così delicata.

Le misure per settembre
L’ateneo ha comunicato a studenti e professori che torneranno in presenza circa il 70% delle lezioni per le matricole dei corsi di laurea triennali dei Dipartimenti di Economia e Finanza, Impresa e Management, Scienze Politiche e del corso a ciclo unico in Giurisprudenza. Per gli iscritti agli anni successivi al primo, invece le lezioni saranno svolte per quasi il 50% in sede. La programmazione dell'orario delle lezioni sarà ottimizzata per gestire tutti gli spazi in piena sicurezza. Anche per questa ragione, i corsi di lingua e le attività di laboratorio saranno svolti tutti online e, per la maggior parte, di sabato. Inoltre, per garantire una elevata qualità dell'esperienza di studio, sia in presenza che a distanza, tutte le aule saranno attrezzate con nuovi dispositivi interattivi per la team collaboration (lavagne digitali con webcam intelligenti in 4K) e sarà possibile prenotare sale studio e postazioni informatiche per i lavori di gruppo con un semplice click.

Nuove aule
Anche gli spazi saranno ingranditi. Le sedi Luiss infatti ospiteranno da settembre due nuove tensostrutture, di cui una da 160 posti, per studiare e seguire lezioni.Per tutte le altre attività formative extra didattiche: dai laboratori al tutoraggio per gli iscritti, dallo sport, fino alla employability per prepararsi al mondo del lavoro, l'Università aprirà le sue sedi, in orari dedicati, nel tardo pomeriggio e nel fine settimana. Iniziative queste che confermano i valori di inclusione, apertura e sostenibilità che ispirano tutta la comunità Luiss.Un piano di riapertura che in realtà è partito già a luglio, con le sedute di laurea e il test di ingresso in presenza. Quest'anno infatti per tutti coloro che vorranno iscriversi ai corsi di laurea Triennali e Magistrali a Ciclo Unico saranno due le date della prova di ammissione: il 29 luglio in sette città d'Italia (Bari, Cagliari, Catania, Milano, Napoli, Roma, Reggio Calabria) e il 30 luglio solo a Roma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA