Studenti e ricercatori

Da ingegneria a medicina: in arrivo 200 nuovi corsi

di Francesca Barbieri

Ingegneria, biotecnologie, medicina. Per il prossimo anno accademico gli atenei italiani rafforzano l’offerta formativa con 200 nuovi corsi di laurea, concentrati su 3 aree: tecnica, scientifica e sanitaria. In totale 2.329 corsi triennali, 2.281 magistrali e 325 a ciclo unico sulla base dei dati forniti dagli atenei.

Tra le novità, per l’area sanitaria potenzia l’offerta di medicina l’università di Padova che aggiunge 65 posti per le matricole nel polo di Treviso,a Bologna invece arriva il terzo corso di medicina (tra le sedi di Forlì e Ravenna), a Milano c’è «Medtrec», interamente in inglese organizzato dalla Humanitas university con il Politecnico di Milano per formare esperti di nuove tecniche capaci di abbinare saperi medici e tecnologie informatiche.

Nell’area tecnica l’università di Udine inaugura la triennale in ingegneria industriale per la sostenibilità ambientale, mentre l’ateneo di Verona introduce la magistrale in computer engineering for robotics and smart industry, all’avanguardia nella robotica e nell’ingegneria informatica e arriva una nuova laurea magistrale in electric vehicle engineering offerta dalla «Motorvehicle university» nata dalla partnership tra alcuni atenei emiliani e diverse aziende dell’automotive. L’università di Siena - in ambito scientifico - lancia la magistrale in inglese sullo sviluppo sostenibile, mentre la Cattolica inaugura food processing innovation and tradition. Per l’area di economia al centro dei corsi ci sono sempre più sicurezza informatica e big data, a giurisprudenza crescono le specializzazioni in diritto internazionale, mentre l’area umanistica è ricca di “contaminazioni” hi-tech.


© RIPRODUZIONE RISERVATA