Pubblica e privata

Iscrizione al 5 per mille, ferma al 30 aprile la scadenza per gli enti di ricerca

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Da oggi e fino al 30 aprile 2020 sarà consentita l'iscrizione al 5 per mille 2020 agli enti della ricerca scientifica e dell'università che non risultino già compresi negli elenchi definitivi dell'anno 2019 così come individuati ai sensi dall’articolo 1, comma, 1 lettera b) del Dpcm 23 aprile 2010. Ne dà notizia una nota del ministero dell’Università e della Ricerca. Senza alcun impatto sui termini, dunque, da parte dell’emergenza coronavirus.

Come presentare la domanda
L’adempimento riguarda solo gli enti che non sono stati inclusi negli elenchi e che vogliono partecipare al riparto per l'anno 2020: per esserlo dovranno perfezionare, come richiamato dal Dpcm 23 aprile 2010, l'iscrizione per via telematica utilizzando il prodotto informatico disponibile all'indirizzo https://cinquepermille.miur.it , attraverso l'inserimento dei propri dati identificativi (codice fiscale), da compilare in tutte le sue parti.

L’invio dei documenti
La nota del Mur ricorda inoltre che i documenti necessari all'iscrizione, compreso lo statuto dell'ente, vanno ricondotti all'interno della piattaforma allo scopo costituita, unitamente agli allegati 3 e 4 che dovranno essere firmati separatamente dal legale rappresentante dell'ente con firma digitale o con la propria firma autografa dopo averne effettuato la scansione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA