Studenti e ricercatori

Università, a Bologna sportello contro molestie di genere

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24


All'interno dell' Università di Bologna nasce uno sportello contro le discriminazioni e le
molestie di genere dentro e fuori la comunità accademica. Il progetto si chiama “MALAconsilia” ed è gestito dalle studentesse della “Mala Educación” e di “LINK Studenti Indipendenti”. La Consultoria sarà autogestita e avrà casa negli spazi di via Filippo Re, in collaborazione con lo stesso ateneo.

Lo sportello punta a facilitare l'accesso all'assistenza sociosanitaria e il contatto con le organizzazioni e le associazioni con esperienza e sensibilità storica sul territorio: dal centro antiviolenza alle associazioni che si occupano di sieropositività, passando per i consultori, i
collettivi e le case della salute.

«Abbiamo cominciato con un'inchiesta in cui denunciavamo la presenza di molestie e discriminazioni tra i banchi universitari, oggi alziamo il tiro e chiediamo all' Università un
impegno concreto, a partire dalla proposta a cui stiamo lavorando per un nuovo Regolamento contro le molestie», spiega Eleonora, una delle attiviste che ha curato la prima indagine sulle violenze di genere in Università. I dati rivelano che il 26% del campione è stato costretto a rinunciare alle cure mediche per le difficoltà legate all'accesso, il 30% ha
incontrato discriminazioni di genere direttamente nei materiali didattici e più di metà del campione ha subito o assistito a discriminazioni e molestie in Università.


© RIPRODUZIONE RISERVATA