Studenti e ricercatori

Non solo e-learning nelle università telematiche

di Serena Riselli

Se si ha il desiderio di continuare a studiare per specializzarsi o diversificare le proprie competenze per allargare i propri orizzonti professionali, ma si ha poco tempo a disposizione o l’impossibilità di spostarsi, la soluzione possono essere le università telematiche.

Si tratta di veri e propri atenei che si basano sull’e-learning, cioè sull’apprendimento a distanza, utilizzando tecnologie di comunicazione avanzate e hanno, proprio come le università tradizionali, una proposta formativa che prevede corsi di laurea, master e corsi di perfezionamento.

In Italia, le università telematiche sono regolamentate dal Miur che ne ha riconosciute 11 (l’elenco su www.universitaly.it). A seconda dell’ateneo, le lezioni possono essere seguite esclusivamente online oppure una parte online e una parte in presenza. Gli esami, invece, secondo quanto previsto dal decreto Profumo del 2012, devono essere sostenuti nelle sedi fisiche: per ogni seduta d’esame è infatti obbligatoria l'istituzione di una commissione costituita da docenti della materia.

Ad esempio l'università Ecampus prevede tre possibilità di frequenza: “full on line”, ovvero con la didattica da seguire solo online e il sostenimento degli esami di profitto e della prova finale in presenza. Oppure “blended professional”, che prevede la didattica on line, con ore di lezioni frontali erogate presso il campus di Novedrate. Ed infine “presenziale”: la didattica viene erogata esclusivamente presso una delle sedi convenzionate.

Il principale vantaggio è che le lezioni possono essere seguite in videoconferenza in ogni momento della giornata e sono supportate da materiali che si possono scaricare dalle bacheche dei corsi e dal sito dell’università. Un altro vantaggio, rispetto agli atenei tradizionali, è che ci si può iscrivere in qualsiasi mese dell’anno, direttamente online, oltre che andando in una delle sedi.

Inoltre ogni studente ha un proprio tutor che lo segue durante l’intero corso di studi e a cui può far riferimento in qualsiasi momento.

Per quanto riguarda i costi, proprio come i master delle università fisiche, questi dipendono dall’ateneo telematico scelto e dal corso. Ad esempio, presso l’università Pegaso, un master di primo livello in materie economiche o giuridiche della durata di 1.500 ore (60 Cfu) ha un costo che varia dai 450 fino ai 1.500 euro. Più alti i prezzi per un master di secondo livello: all’università Cusano si parte dai 1.700 euro fino ad arrivare ai 2500.

In molti casi c’è da aggiungere una tassa di iscrizione, mentre quasi tutti gli atenei telematici danno la possibilità di rateizzare il costo del corso.


© RIPRODUZIONE RISERVATA