Studenti e ricercatori

Formazione e corsi per accompagnare il personale Pa alla digitalizzazione

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Rafforzare le competenze manageriali e digitali dei dirigenti, dei dipendenti pubblici e anche delle imprese attraverso percorsi formativi, seminari, conferenze, scuole di formazione e metodologie condivise.
Questi gli obiettivi del protocollo tra AgId (Agenzia per l'Italia digitale) e Crui (Conferenza rettori delle università italiane) .
Le azioni saranno rivolte in prima battuta agli uffici responsabili per la transizione al digitale, strutture su cui si fa perno per accelerare la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione e del Paese.

Il protocollo
Si parte con un percorso formativo specificamente rivolto ai dirigenti pubblici e ai funzionari degli uffici responsabili per la transizione al digitale delle Pa per trasferire nella macchina pubblica la cultura del Project Management e le metodologie comuni per la progettazione di servizi a misura di utenti e imprese. Si prosegue con la definizione di percorsi formativi (corsi di laurea, master e corsi di specializzazione) per il rafforzamento delle competenze digitali e manageriali del personale delle università e delle Pa italiane.
Il protocollo d'intesa è una delle leve per dare attuazione al nuovo Piano Triennale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione 2019-21. Diffondere e rafforzare le conoscenze necessarie alla trasformazione digitale ha anche l'obiettivo di invertire la tendenza che vede l'Italia agli ultimi posti in Europa per competenze digitali e per colmare il divario digitale tra territori e di genere, così come segnalato nell'Indice Desi. Per questo le azioni previste dal protocollo comprendono anche iniziative formative mirate a favorire la parità di genere e l'inclusione sui temi del digitale.

Gli obiettivi dei sottoscrittori
«Gli sforzi di introdurre il digitale nella Pa non hanno determinato un uniforme miglioramento nell'offerta dei servizi a cittadini ed imprese perché non preceduti da una analisi dei processi e non accompagnati da una diffusa cultura digitale, da un cambio organizzativo e dal disboscamento normativo. La pubblica amministrazione si cambia dal suo interno. Si cambia grazie all'azione di persone a cui sono stati forniti strumenti e leve. La debolezza di competenze digitali e di Project Management nelle Pa/enti deve essere strutturalmente colmata. Le competenze che mancano non si svilupperanno da sole - ha dichiarato Teresa Alvaro, direttore generale di AgID –. La collaborazione con la Crui è strategica per diffondere il bagaglio di competenze necessarie all'attuazione dei progetti di semplificazione e digitalizzazione e punta a conferire centralità agli uffici responsabili per la transizione al digitale all'interno delle pubbliche amministrazioni italiane».
«La transizione digitale è uno di quei passaggi epocali che si possono solo subire o accompagnare con convinzione – ha dichiarato Gaetano Manfredi, presidente della Crui – Attraverso la firma di questo protocollo il sistema universitario si impegna a sostenere la transizione digitale con convinzione, investendoci le proprie competenze. Ciò nell'ottica di lavorare di concerto con AgID a un piano di migrazione dell'università che tenga conto delle specificità del comparto in materia di formazione, ricerca e trasferimento tecnologico. Una volta realizzati a pieno, tanto il protocollo, quanto il Piano triennale in cui esso si inserisce, rappresentano un momento fondamentale per rafforzare la competitività del Paese».


© RIPRODUZIONE RISERVATA