Studenti e ricercatori

Da «Pro-med» corsi online per aspiranti camici bianchi

di Eu.B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Un aiuto a superare i test d’ingresso può arrivare anche dai social network. Ad esempio dalle community di Facebook. Un fenomeno che ci vede secondi in Europa, con il 41% degli utenti che fa parte di uno o più gruppi e il 55% che li usa per chiedere aiuto e suggerimenti in vari campi. Quello che il gruppo “Pro-Med” prova a fare per gli aspiranti medici dal 2016. E che l’ha portata ad avere oltre 9.300 iscritti. Ne parliamo con uno dei quattro fondatori, il 22enne Mario Affatato, studente di medicina a Bologna.

Come nasce l'idea di Pro-Med?
Pro-Med è nata nei primi mesi del 2016. Siamo nati su Facebook perché allora, come anche ora, era l'unica piattaforma che ci permettesse, gratuitamente, di raggiungere i nostri primi studenti in modo efficace. Avevamo e abbiamo l'esigenza di rendere tutti i nostri social dei posti da visitare con piacere: teniamo particolarmente alla creazione di rubriche di valore per gli studenti, alla strutturazione di un calendario editoriale che ci renda un brand, prima di ogni cosa, utile agli studenti. E Facebook è una piattaforma che si presta molto bene: tanti strumenti per le community, tante metriche per capire quali sono i contenuti che piacciono, tanto spazio per la condivisione. La fiducia che deriva da una buona strategia di comunicazione e distribuzione di contenuto è imparagonabile a qualsiasi altro metodo di Marketing. Pro-Med nasce per fare circondare gli studenti di persone, non di libri. Nasce per sotterrare tutto quello che è stato (e in parte è ancora) il mondo della preparazione pre-universitaria: poco valore e speculazione. E nasce per permettere a studenti universitari di acquisire capacità e competenze: siamo una famiglia di 35 ragazzi, nata e cresciuta con la sola forza di studenti ventenni. Valore, prima di ogni cosa. Contenuto, prima di ogni cosa.

Quanto si paga per il servizio e quanta parte è stata devoluta a progetti di ricerca?
Siamo fieri di aver costruito servizi per ogni genere di tasche. I nostri corsi, in aula e online, vanno da un minimo 30 euro ad un massimo di 300 euro circa per i percorsi di preparazione intensiva. A oggi abbiamo cinque sedi disseminate in tutta Italia ed è fantastico organizzare riunioni con tutti i membri della famiglia. Si sta insieme qualche giorno, si fa del sano brainstorming e si sfornano idee alla velocità della luce. Durante il nostro primo anno di attività abbiamo devoluto il 70% degli utili ad un gruppo di ricerca dell’UniBo per la sindrome di Down. È stato incredibile contribuire, seppur in piccolo, per una causa così grande.

Avete già altre idee per l'anno prossimo sulla base dell'esperienza di quest'anno?
Il nostro futuro sarà, più che mai, “studente-centrico”. Ho assistito a testimonianze di ragazzi che si sono affidati a questa o quell'altra azienda di preparazione. Tutti lamentavano principalmente una cosa: la mancanza di personalizzazione del Corso e, conseguentemente, la mancanza di empatia. Ogni studente ha tempi e metodi di apprendimento diversi ed è dovere di ogni progetto che opera in questo campo inserire degli strumenti che permettano ai ragazzi di rendere personale l'esperienza. A questo proposito, ogni anno cerchiamo di avvicinarci sempre di più agli studenti: nei corsi estivi di quest'anno abbiamo inserito dei momenti “domanda e risposta”, attività di gruppo e cene/aperitivi condivisi. Perché ogni studente ha il diritto di vivere nel modo migliore possibile il suo percorso. Un concetto che voglio sottolineare è che troppo spesso vengono costruiti dei corsi con il solo obiettivo di distribuire nozioni teoriche. L'esperienza emotiva aiuta la memorizzazione. Ogni anno proponiamo una dissezione di cuore di suino guidata, non tanto perché ci piaccia farla, ma perché sappiamo che l'esperienza e quindi di conseguenza la memorizzazione è centinaia di volte superiore ad uno sterile studio da un libro in bianco e nero stampato negli anni 90.
Sia in aula che online, esperienze personali per ogni studente. Questo è quello che vogliamo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA