Studenti e ricercatori

Biotech, consulenza per la salute, servizio assistenziale: il nuovo farmacista secondo la Cattolica

di Scuola24

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Una nuova figura professionale di farmacista che si integri nella rete sanitaria sul territorio, fornendo gli strumenti culturali e scientifici per essere un vero consulente della salute e del benessere: è questo l'obiettivo formativo del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia, attivo presso la Facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università Cattolica a Roma.

«Il corso di laurea in Farmacia guarda alle prospettive del futuro – dichiara il professor Andrea Urbani, Presidente del Corso di laurea – cioè la farmacia del territorio, l'implementazione dei servizi nelle strutture del sistema sanitario nazionale e, quindi, alle necessità del mondo della Farmacia da qui ai prossimi dieci anni».

Il Corso propone un'offerta formativa di alto livello che si articola attraverso i diversi settori disciplinari. Gli insegnamenti di base riguardano i campi della fisica, della chimica e della biologia, senza trascurare i settori biotecnologici, farmacologici, chimici e tecnici applicati alla farmaceutica. Il carattere innovativo del corso di laurea in Farmacia dell'Università Cattolica è rappresentato dalla spiccata attenzione verso la Farmacia dei servizi assistenziali. Tale corso prende infatti vita dalla Facoltà di Medicina e chirurgia ed offre la tangibile opportunità di accostarsi a un approfondito studio dei nuovi farmaci e dei dispostivi medici e diagnostici, valutabili all'interno della pratica clinica.


Il percorso formativo
La possibilità di interazione con le professionalità mediche e sanitarie che operano presso la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs, tra cui la farmacia ospedaliera, è un forte valore aggiunto di questo percorso formativo. La presenza inoltre, presso la facoltà di Economia nella sede di Roma dell'ateneo, del corso di laurea in Economia e gestione dei servizi (profilo Management per la sanità) e la sinergia dei programmi formativi garantiscono la possibilità di acquisire conoscenze e competenze manageriali indispensabili per il farmacista in tutti gli ambiti.


Nell'ambito del percorso formativo, alle lezioni frontali si unisce la didattica di laboratorio, attraverso cui è possibile applicare le nozioni apprese e verificare la propria preparazione, nonché prepararsi all'ingresso nel mondo del lavoro. Al fine di un confronto con le realtà lavorative concrete vengono proposte anche diverse attività di tirocinio curricolare, formativo e di orientamento.
Il corso è strutturato in 5 anni e prevede una solida base di insegnamenti curriculari riconosciuti nell'accreditamento Eu uniti a tre profili caratterizzanti: nutrizione e benessere, economico-gestionale, dispositivi medici e diagnostici. Gli studenti avranno inoltre la possibilità di scegliere insegnamenti opzionali tra quelli proposti in un'ampia gamma di discipline biomediche. Inoltre è rilevante la partecipazione attiva alle attività di laboratorio oltre alla possibilità di lavorare in laboratori di ricerca all'avanguardia per lo svolgimento della tesi di laurea.


Il test di ammissione
I posti disponibili al primo anno di corso sono 100 cui si accede mediante concorso. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro il 13 settembre 2019 attraverso la procedura di iscrizione on line mediante il sito istituzionale dell'Università (www.rm.unicatt.it).

L'esame di ammissione consiste in una prova scritta di cento domande a risposta multipla sui seguenti argomenti: ragionamento logico e logico-matematico; cultura scientifica (Chimica, Biologia, Fisica); cultura generale; conoscenza della lingua inglese; cultura religiosa. Essa si svolgerà in unica data il 20 settembre 2019 presso la sede di Roma dell'ateneo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA