Studenti e ricercatori

Test di Medicina, le iscrizioni slittano al 3 luglio

di Eugenio Bruno

Colpo di scena per gli aspiranti camici bianchi. L’apertura delle iscrizioni ai test di ingresso a Medicina era inizialmente prevista per stamattina. Ma - per effetto di un decreto del ministero dell’Istruzione pubblicato giovedì scorso - slitterà a mercoledì 3 luglio. E ci sarà tempo fino al 25 luglio anziché al 9 come fissato in origine. Una novità che vale anche per architettura e veterinaria. Immutate al momento le date delle prove che inizieranno il 3 settembre.

I motivi dello slittamento e le polemiche sul numero chiuso
La novità non è di poco conto. Sia perchè interessa un potenziale di oltre 60mila studenti sia perché, in questi primi 12 mesi di governo gialloverde, le polemiche sul numero chiuso, soprattutto a Medicina, non sono mancate. Al punto che si è scelta una soluzione di compromesso: per quest’anno, aumentare i posti di medicina da 10 a 12mila e modificare le prove di ingresso, dando meno peso alla logica e introducendo già all’atto dell’iscrizione la possibilità di svolgere un test simulato; per l’anno prossimo, ragionare sulla sua eliminazione spostando la selezione alla fine del primo anno come avviene, ad esempio, in Francia. Una soluzione che va pensata e soprattutto finanziata perché si scontra con la contrarietà dei rettori e la cronica mancanza di spazi degli atenei italiani. Ma proprio la difficoltà (e i ritardi) di definire in Conferenza Stato-Regioni il contingente di posti a disposizione per i futuri medici ha costretto il Miur a traslare in avanti la finestra per le iscrizioni.

Il nuovo calendario: per iscriversi c’è tempo fino al 25 luglio
Con un decreto pubblicato ieri sera il ministero dell’Istruzione ha spostato tutti i termini per gli adempimenti delle aspiranti matricole. L’iscrizione attraverso il portale www.universitaly.it non dovrà più avvenire tra il 17 giugno 2019 e le ore 15 del 9 luglio 2019, bensì tra il 3 luglio 2019 e le ore 15 del 25 luglio 2019. Slitta dunque anche la possibilità di mettersi alla prova con il test psicoattitudinale di prova che era una delle novità di quest’anno. Il posticipo vale per Medicina (sia in italiano che in inglese), Architettura (sia in italiano che in inglese) e Veterinaria. Allo stesso modo per pagare la quota di iscrizione, che dovrebbe essere di 50 euro, ci sarà tempo fino al 30 luglio anziché al 12. Contemporaneamente le università avranno tempo fino al 13 agosto (e non più al 26 luglio) per trasmettere al Cineca l’elenco dei partecipanti ai quiz.

Immutate le date delle prove: si parte il 3 settembre con Medicina
Il decreto del Miur non innova invece il calendario delle prove. Al momento restano confermate le seguenti date: martedì 3 settembre per Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria erogati in lingua italiana; mercoledì 4 settembre per Medicina Veterinaria; giovedì 5 settembre per Architettura; mercoledì 11 settembre per Professioni sanitarie; giovedì 12 settembre per Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria erogati in lingua inglese. Quiz che si svolgeranno nella nuova forma voluta dal ministro Marco Bussetti: 60 quesiti, di cui 30 relativi alle materie di indirizzo. Con meno logica (che vede scendere le domande da 20 a 10) e più cultura generale (che le vede salire da 2 a 12). Nella speranza di agevolare gli studenti più portati. E orientare gli altri verso altri lidi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA