Studenti e ricercatori

Al Suor Orsola Benincasa di Napoli a luglio primi laureati italiani in Green economy

S
2
4Contenuto esclusivo S24


A luglio i primi laureati italiani in Green economy; da ottobre il nuovo corso di laurea magistrale in Economia, management e sostenibilità, il primo in Campania specificamente dedicato alla sostenibilità economica, sociale ed ambientale delle imprese. Annuncia due primati l'università Suor Orsola Benincasa di Napoli divenuta nel 2016 la prima università
“green” italiana e lo fa nel corso della tappa napoletana del Festival dello Sviluppo sostenibile, ideato dall'Asvis, l'Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile in una giornata
tutta “green” dedicata alla presentazione delle idee progettuali degli studenti di Green economy sviluppate nel corso delle loro esperienze on the job in numerose aziende campane e ad una attività dimostrativa sulla mobilità sostenibile con docenti e studenti a pedalare con le biciclette elettriche sulle terrazze del Suor Orsola.

«Sul mercato internazionale sempre più clienti e lavoratori scelgono le aziende anche influenzati dal grado di sostenibilità che percepiscono e sempre più investitori considerano la sostenibilità sociale ed ambientale dei loro investimenti non solo come un obbligo morale ma anche come un indicatore di affidabilità di medio-lungo periodo delle aziende». Ecco in
sintesi le ragioni della genesi di questo nuovo percorso accademico del Suor Orsola spiegate da Domenico Salvatore, 40 anni, professore di Organizzazione aziendale e presidente del
nuovo corso di laurea insieme con Marcello D'Amato, professore ordinario di Politica economica con grande esperienza internazionale: già visiting professor in alcune delle
principali università del mondo (dagli Stati Uniti all'Australia).

Tre esami in lingua inglese (Organizational dynamics, Resource economics ed environmental law and regulation), tutoraggio individualizzato ed oltre 40 partnership aziendali già siglate.

Come sottolinea il rettore, Lucio d'Alessandro, «c'è il marchio di fabbrica del “fare università” del Suor Orsola nel manifesto degli studi del nuovo corso: innovazione,
pratica on the job sin dal primo anno e la “cura” del singolo studente», favorita anche dal numero programmato: sessanta i posti disponibili con immatricolazioni aperte dal primo giugno.

«Competenze, sensibilità ed attenzione per la diffusione dei processi finalizzati all'innovazione, all'imprenditorialità ed alla managerialità della gestione aziendale in diversi settori di attività (ad esempio, public utilities, agri-business ed imprese innovative) e competenze su funzioni aziendali inerenti aspetti economici, tecnici e normativi della sostenibilità ambientale (ad esempio, le funzioni marketing e commerciale, acquisti, certificazione, valutazione di impatto, e analisi dei processi produttivi)» saranno, come sottolinea Marcello D'Amato, i principali obiettivi formativi del nuovo corso di laurea del
Suor Orsola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA