Studenti e ricercatori

Mobilità sostenibile per studenti e prof di Roma Tre

S
2
4Contenuto esclusivo S24

L’università Roma Tre scommette sulla mobilità sostenibile. E lo fa grazie a una convenzione siglata tra l’ateneo romano e Sarengo, il primo operatore di car sharing elettrico in Italia. Da ieri studenti e docenti di Roma Tre potranno noleggiare, a prezzo ridotto, un'auto ecologica e contribuire a migliorare la qualità della vita nella Capitale attraverso un uso 100% sostenibile delle quattro ruote

L'iniziativa è stata presentata in occasione della conferenza “Elettrico è meglio”, in programma ieri presso l'Aula Magna del Rettorato dell’università Roma Tre, che ha fatto il punto sull'importanza della sinergia pubblico-privato per migliorare la qualità della vita attraverso un uso sostenibile della mobilità nella Capitale e che rientra nell'ambito del Festival della Sostenibilità organizzato dall’ASviS (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile) e dalla RUS (Rete delle università per lo sviluppo sostenibile).
«Ancora una volta l'Università Roma Tre promuove la sostenibilità sociale e ambientale tra i propri studenti e dipendenti attraverso le migliori iniziative di mobilità elettrica in ambito romano. L'accordo Roma Tre e Sharengo non è solo una importante iniziativa nella terza missione dell'ateneo romano, ma rappresenta una ricerca innovativa pubblico-privata nel settore della mobilità sostenibile», ha spiegato il delegato del Rettore per la mobilità sostenibile, Stefano Carrese. «La nostra collaborazione con Roma Tre è un ulteriore atto di attenzione e di amore verso Roma, dove stiamo crescendo in modo considerevole. E per convertire la città ad una mobilità elettrica e condivisa crediamo che la sinergia tra pubblico e privato sia indispensabile. Ci aspetta un cambio di paradigma, non basta semplicemente sostituire un'auto termica con una elettrica, sono necessari nuovi modelli di mobilità che siano sostenibili ed intelligenti», ha sottolineato invece l'amministratore delegato di Sharengo Emiliano Niccolai.


© RIPRODUZIONE RISERVATA