Studenti e ricercatori

Erasmus, il Parlamento Ue: triplicare i fondi dopo il 2020

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Triplicare i fondi per il programma europeo Erasmus+ per la programmazione 2021-2027. Per aumentare il numero di partecipanti e sostenere la mobilità dei giovani con minori opportunità. Lo chiede il Parlamento europeo in una risoluzione approvata ieri alla plenaria di Strasburgo con 527 voti a favore, 30 contrari, e 48 astenuti.

Le richieste
Per offrire occasioni di studio all’estero anche ai giovano con minori opportunità, gli eurodeputati chiedono alla Commissione Ue e alle agenzie nazionali che gestiscono il programma di mettere a punto strategie europee e nazionali per una maggiore inclusione. I deputati propongono inoltre misure speciali di sostegno finanziario, tra cui adeguate borse di studio mensili e una revisione periodica del costo della vita e di soggiorno. Tra le altre misure approvate per meglio adattare Erasmus+ alle esigenze dei giovani svantaggiati ci sono strumenti per la formazione linguistica, il sostegno amministrativo e le opportunità di e-learning. La decisione finale sarà presa al termine dei negoziati con il Consiglio.

«Erasmus più equo e inclusivo»
«Il nostro obiettivo è quello di rendere il nuovo programma Erasmus+ più facile da utilizzare e inclusivo, accessibile ed equo per tutti i gruppi di giovani e adulti, indipendentemente dalla loro situazione economica e da altre circostanze» ha detto il relatore il relatore del testo, Milan Zver , chiedendo il maggior sostegno al programma- «Erasmus+ non solo consente ai partecipanti di studiare e formarsi all'estero - ha spiegato ancora il relatore - ma contribuisce anche a rafforzare l'identità europea e a migliorare le opportunità di lavoro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA