Studenti e ricercatori

Nasce il Consorzio per la valutazione degli atenei online

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Nell'ambito della Conferenza “Innovation Arabia 12” di Dubai, è nato un nuovo Consorzio
internazionale che ha l'obiettivo di individuare criteri comuni a livello globale per valutare la qualità delle università online.

Il nuovo Consorzio per la qualità delle università online nasce con il sostegno del ministero dell'Educazione e dell'Agenzia di valutazione della qualità delle università degli Emirati Arabi Uniti, tra i membri fondatori: l'Associazione delle università arabe (Aaru), l'Associazione europea delle università a distanza (Eadtu), l'Associazione asiatica delle
ppen university, la Rete araba per l'assicurazione della qualità nell'istruzione superiore (Anqahe), il Commonwealth of learning (Col), l'Open polytechnic of New Zealand, la Hamdan Bin Mohammed smart university di Dubai e l'università telematica
internazionale Uninettuno, rappresentata a Dubai dal rettore, Maria Amata Garito che ha anche rappresentato l'Eadtu.

Tra gli obiettivi del nuovo Consorzio vi è quello di supportare le Agenzie nazionali di valutazione nell'individuazione di criteri comuni a livello globale per la valutazione della qualità delle università online.

«Al pari della lotta alle fake news - ha commentato il rettore Garito, nel corso della cerimonia di firma della carta costituente del nuovo Consorzio - è tempo di far nascere un
movimento di lotta contro la fake formazione su Internet. Ogni giorno nascono nuove università online e nuovi corsi di formazione su Internet, spesso mancano informazioni chiare sulle metodologie didattiche, sui modelli psico-pedagogici, sui nomi e sui curricula degli autori dei contenuti. Molte di queste università non sono accreditate dai loro governi e spesso rilasciano titoli di studio non validi e forniscono competenze non adeguate alle promesse. Ormai la formazione online è diventata un business a livello internazionale e, più che alla qualità, gli imprenditori di questo settore guardano al loro successo economico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA