Studenti e ricercatori

Accordo Crui-Microsoft per formare i primi 100 data scientist

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Le università italiane scommettono su data science e intelligenza artificiale. Grazie all’accordo tra Crui e Microsoft Italia siglato ieri.

La Crui entra in «Ambizione Italia»
La Conferenza dei rettori aderisce al progetto avviato da Microsoft per accelerare la trasformazione digitale nel nostro Paese, facendo leva sulle opportunità offerte dall'Intelligenza Artificiale e sulla formazione avanzata, in linea con i nuovi trend tecnologici e le richieste del mercato del lavoro, con l’obiettivo di contribuire all’occupazione e alla crescita dell’Italia. Grazie a un accordo sottoscritto ieri nasce una nuova collaborazione per l'avvio di laboratori dedicati a Intelligenza Artificiale e Big Data, con l'obiettivo di offrire agli studenti universitari competenze digitali avanzate e prepararli al meglio ad affrontare i lavori del futuro. I corsi, della durata di 6 mesi, integrano alle lezioni frontali con i propri docenti, moduli online ed esercitazioni pratiche in cui gli studenti potranno sperimentare
in prima persona quanto appreso in aula, acquisendo capacità funzionali e tecniche fondamentali per essere pronti per il mondo del lavoro. I laboratori saranno quindi integrati all'interno del regolare svolgimento delle lezioni e consentiranno agli studenti di perfezionare le proprie conoscenze e capacità in chiave digitale. A chiusura dell'esperienza, infine, i partecipanti potranno sostenere alcuni esami del percorso di certificazione Microsoft Data Science.

Il progetto parte dal Sud Italia
Federico II di Napoli e Politecnico di Bari sono le prime due Università coinvolte nel progetto pilota. Una terza università sarà selezionata nel corso delle prossime settimane, con l'ambizione di estendere l'iniziativa anche ad altri atenei italiani. In questa prima fase l'obiettivo è quello di formare e certificare 100 nuovi data scientist in Italia entro l'anno accademico 2018/2019. «Siamo onorati di questa partnership di lunga data con la
Crui e che oggi si arricchisce di un altro importante tassello. Insieme possiamo imprimere un'accelerazione al progetto Ambizione Italia, con cui intendiamo aiutare il nostro Paese a essere competitivo, attraverso iniziative, programmi e corsi in grado di diffondere una cultura del digitale e competenze in linea con le richieste del mercato», ha commentato Silvia Candiani, amministratore delegato di Microsoft Italia. «Una delle missioni principali dell'università è preparare i giovani alle sfide che li attendono - le ha fatto eco Gaetano Manfredi, presidente Crui - Quella rappresentata dal punto di incontro fra le evoluzioni dell'intelligenza artificiale e i mutamenti del mercato del lavoro è senza dubbio la più
interessante».


© RIPRODUZIONE RISERVATA