Studenti e ricercatori

Università e innovazione: un’agenda per lo sviluppo al centro del XVI convegno Codau

S
2
4Contenuto esclusivo S24


«Per innovare l'università dobbiamo partire dalle sue fondamenta: dai finanziamenti, dai concorsi, dalla deburocratizzazione e dalla rivalutazione quantitativa. Bisogna riformare i concorsi e strapparli a questo meccanismo di punteggio, questa sorta di antropologia negativa. E allo stesso tempo chiudere l' Anvur, l'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca. E' la prima cosa da fare». È l'appello lanciato dal professor Giulio Sapelli dell'Università Statale di Milano in vista del XVI convegno annuale del Codau, l’associazione dei manager delle università italiane, guidati dal presidente Cristiano Nicoletti, in programma a Porto Cervo dal 27 al 29 settembre prossimo.

L’appello di Sapelli
«Continuare a essere valutati dall'Anvur per i prodotti della ricerca è una vergogna. Questo meccanismo di valutazione purtroppo lo abbiamo trasferito dalle università scientifiche a quelle umanistiche, e non va bene. E non possiamo continuare ad applicarlo. Un altro punto decisivo - ha aggiunto Sapelli - è quello di riprendere un'ingente e massiccia ripresa dei finanziamenti non solo per le facoltà scientifiche ma anche per quelle umanistiche senza le quali non c'è uno sviluppo della cultura, soprattutto in un Paese come il nostro che vive non solo di scoperte scientifiche e di smart up tecnologiche. Lo studente non deve essere più al centro dell'Università, ma al centro ora dovrà esserci la cultura».

La presentazione di Nicoletti
«Si tratta di una tre giorni di lavori che la nostra associazione ha voluto dedicare a temi di grande attualità come lo sviluppo e l'innovazione – ha dichiarato Cristiano Nicoletti, presidente del Codau e direttore generale dell'università per Stranieri di Perugia – e ha tra gli obiettivi quello di dar vita a un'agenda di lavoro che possa diventare una guida per l'intero sistema universitario italiano. Su questi temi importanti discuteremo e ci confronteremo e dai quali emergeranno importanti documenti da condividere e da divulgare oltre i “confini” della nostra associazione».

Il programma del convegno
I lavori prenderanno il via nella serata di giovedi 27 settembre attraverso il primo panel di discussione, coordinato da Giuseppe Colpani, direttore generale dell'Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, su “Cambiamento e innovazione organizzativa tra comfort e adattament”. Il tema di venerdì 28 sarà invece “Università e Innovazione: costruire un'Agenda per lo Sviluppo”. Le giornate di studi si concluderanno sabato 29 con una tavola rotonda dal titolo “Il sistema si confronta: prospettive e sviluppo del sistema universitario”, che vedràla partecipazione di Sapelli, di Carla Barbati, presidente Cun e di Daniele Livon, direttore generale del Miur. Con la chiusura del convegno affidata al presidente Cristiano Nicoletti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA