Studenti e ricercatori

Da ministero dell’Interno e Crui 100 borse di studio per studenti rifugiati

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Cento borse di studio per per studenti rifugiati e beneficiari di protezione sussidiaria costretti a interrompere il corso di studi avviato nel paese d’origine. Sono quelle messe a disposizione dal ministero dell’Interno insieme con Crui e Andisu per l’accesso ai corsi di laurea degli atenei italiani per l’anno accademico 2018/2019. Per partecipare al bando c’è tempo fino al prossimo 29 luglio.

Come partecipare
Al nuovo bando possono partecipare gli studenti vincitori degli avvisi per gli anni accademici 2016/2017 e 2017/2018 titolari di protezione internazionale, che hanno diritto alla conferma della borsa di studio, ma anche quelli che si iscrivono per la prima volta a un corso di laurea in Italia, purchè in possesso di un titolo di studio valido. I borsisti potranno godere dei servizi di vitto e alloggio grazie al contributo forfettario del ministero dell’Interno. Mentre gli atenei ospitanti garantiranno agli studenti l’esenzione delle tasse e dei contributi universitari, l'utilizzo dei servizi didattici (biblioteche, centri) e la copertura del premio dell’assicurazione infortuni.
Per presentare le domande: www.crui.it/archivio-notizie/100-borse-di-studio-a-studenti-con-protezione-internazionale.html


© RIPRODUZIONE RISERVATA