Erasmus: dal prossimo anno borse di mobilità più pesanti, fino a 850 euro al mese
Studenti e ricercatori

Erasmus: dal prossimo anno borse di mobilità più pesanti, fino a 850 euro al mese

di Alessia Tripodi

Dall'anno prossimo le borse di mobilità Erasmus aumenteranno fino 700 euro mensili per gli studenti in partenza verso mete extra Ue e fino a 850 euro per gli stranieri che decideranno di venire a studiare nel nostro Paese. È la novità annunciata ieri a Roma nel corso degli Stati generali Erasmus, l'evento della commissione Ue durante il quale 200 universitari provenienti da tutti i paesi europei hanno presentato (e votato) le proposte per la nuova edizione del programma di scambi, che partirà nel 2020. Dal prossimo anno accademico , poi, gli studenti potranno andare all'estero non solo per studiare, ma anche per fare tirocini: un'opportunità che aumenta sensibilmente le chance di trovare un lavoro.

Le novità
Nel 2018/2019 , grazie a un budget di oltre 76 milioni di euro, l'agenzia nazionale Erasmus Indire potrà finanziare un numero sempre maggiore di progetti di mobilità, e non solo per gli studenti. Oltre 15,8 milioni, infatti, saranno destinati a iniziative di scambio anche per docenti e personale amministrativo. Per quanto riguarda l'aumento dei contributi mensili, spiega l'agenzia, saranno possibili nell'ambito dell'International Credit Mobility, ovvero degli scambi da e per i paesi extra europei.

Oltre 9 milioni di giovani in Erasmus
Dal 1987 - anno di inizio del programma - sono 9 milioni gli studenti che hanno vissuto un'esperienza di tirocinio o studio in un altro paese, quasi mezzo milione gli italiani. Solo nel 2016/2017, dice l'agenzia nazionale Erasmus Indire, si sono registrati oltre 60mila scambi, tra arrivi e partenze: sono quasi 36mila i giovani partiti dagli atenei italiani per periodi di studio o tirocinio in Spagna, Francia, Germania, Regno Unito e Portogallo (le mete più gettonate), mentre nel nostro Paese sono arrivati più di 25mila studenti Ue (il 10% in più rispetto allo scorso anno).

Con Erasmus cresce l'occupazione
Un'indagine condotta dall'agenzia nazionale nel 2017 rivela che un'esperienza di studio all'estero riduce al 6% la percentuale di disoccupazione tra gli studenti Erasmus. Mentre un altro studio del 2015, realizzato da Bruxelles, emerge che uno studente italiano su due (il 51%) riceve un'offerta di lavoro dall'azienda straniera in cui ha svolto un tirocinio, la percentuale più alta tra i paesi Ue.


© RIPRODUZIONE RISERVATA