Pianeta atenei

Per il Cun servono classi di laurea flessibili e raggruppamenti disciplinari per l’abilitazione

di Marzio Bartoloni

Il «riordino dei saperi», così l’ha ribattezzato il Cun, è pronto. Nei giorni scorsi il Consiglio universitario nazionale guidato da Carla Barbati ha approvato la proposta di mini-riforma universitaria che punta al restyling delle classi di laurea e a una riorganizzazione dei settori disciplinari legati all’abilitazione con l’avvento dei cosiddetti «raggruppamenti disciplinari» e dei «domini di ricerca». La proposta è stata inviata al Miur - che aveva incaricato lo stesso organo a gennaio scorso di studiare una revisione ...


Quotidiano della Scuola

Scuola24 è il nuovo sistema informativo multimediale riservato a Docenti e Dirigenti scolastici, personale delle Università, Enti di Ricerca ed Istituzioni.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?