Studenti e ricercatori

Contro la «fuga dei cervelli» arriva il bando Miur per l’assunzione di 24 ricercatori

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24
Pubblicato il Gazzetta il nuovo programma di reclutamento «Rita Levi Montalcini». Domande entro il 1° aprile

Parte il piano Miur di assunzioni agevolate contro la «fuga dei cervelli» . E’ stato infatti pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo bando del programma «Rita Levi Montalcini» , che per il 2015 mette a disposizione 24 contratti a tempo determinato per far «rientrare» nel nostro Paese giovani ricercatori (italiani e stranieri) impegnati all’estero. Il piano sarà finanziato grazie a un budget di 5 milioni di euro. Il termine per le domande scade il prossimo 1 aprile.

Il bando
Possono partecipare alla selezione gli studiosi impegnati in attività didattica o di ricerca all’estero da almeno tre anni e che abbiano conseguito il titolo di dottore di ricerca dopo il 31 ottobre del 2008 e non oltre il 31 ottobre 2011.
Le domande dovranno essere presentate via Web attraverso il sito del Miur-Cineca http://cervelli.cineca.it e dovranno contenere, oltre al curriculum vitae del candidato, anche l’elenco delle pubblicazioni scientifiche, l’autocertificazione di «stabile permanenza all’estero» da almeno tre anni e l’indicazione, in ordine di preferenza, di cinque università statali (tra quelle che hanno dato la propria disponibilità) dove svolgere l’attività di ricerca. Alla domanda di partecipazione andrà ovviamente allegato anche il programma di ricerca, nel quale il candidato dovrà precisare il contesto, la metodologia, i risultati che intende conseguire e i costi dell’attività scientifica.
I ricercatori saranno selezionati da una Commissione presieduta dal presidente della Crui e da quattro esperti qualificati in ambito nazionale e internazionale, nominati dal ministro dell’Istruzione.
Una volta scaduto il contratto a tempo determinato, i ricercatori assunti con il programma Montalcini potranno - previa valutazione dell’ateneo - essere inquadrati nel ruolo di professore associato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA