Famiglie e studenti

Referenti per «contact tracing» contro eventuali focolai del virus

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Se dovesse emergere un caso di positività a scuola la scuola si attiverà con «un monitoraggio attento da avviare in stretto raccordo con il Dipartimento di prevenzione locale« per scongiurare eventuali focolai, inoltre «l'autorità sanitaria competente potrà valutare tutte le misure ritenute idonee», con «ricerca attiva di contatti che possano interessare l'ambito scolastico». E' quanto prevede l'elenco delle richieste delle parti sociali per la bozza del protocollo d'intesa tra Miur e sindacati sull'avvio dell'anno scolastico.

Per i casi di sospetto o effettivo contagio, nel documento viene preso come riferimento il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” del 24 aprile 2020 (punto 11 - Gestione di una persona sintomatica in azienda), che individua la procedura da adottare nel contesto scolastico.

«Sarebbe opportuno - prosegue il documento - prevedere, nell'ambito dei Dipartimenti di prevenzione territoriali, un referente per l'ambito scolastico che possa raccordarsi con i dirigenti scolastici al fine di un efficace contact tracing e risposta immediata in caso di criticità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA