Famiglie e studenti

Fase 3: in Emilia-Romagna a scuola senza controllo della temperatura

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

All'ingresso della scuola non sarà necessario misurare la temperatura ma in presenza di sintomi - respiratori o di febbre superiore a 37 gradi e mezzo - gli alunni dovranno restare a casa. Una scelta affidata alla responsabilità individuale rispetto al proprio stato di salute e a quella dei genitori, per i minorenni. È una delle indicazioni, in linea con quelle del Comitato tecnico scientifico, con cui l'Ufficio scolastico regionale dell'Emilia-Romagna prepara il rientro in classe di circa 600 mila studenti.

E' una delle precondizioni individuate dall'Ufficio scolastico emiliano-romagnolo per la presenza a scuola da settembre. L'indicazione riflette l'appello del Comitato alla “corresponsabilità” di tutta la comunità, all'impegno comune di scuola, genitori e alunni affinché adottino comportamenti di diligenza e prudenza per scongiurare la diffusione del coronavirus e l'esposizione a pericolo della salute dell'intera comunità scolastica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA