Famiglie e studenti

Esperimento a Modena, non voti ma emoticon in pagella

di Redazione Scuola

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Non più i voti accanto alle materie in pagella. Ma un metodo di valutazione sperimentale che
avverrà attraverso un confronto tra le percezioni dei bambini, che compilano una scheda di emoticon, e quelle dei docenti di riferimento, che ne compilano un'altra, da confrontare assieme, alla prima. E' il progetto, di cui parla la Gazzetta di Modena, presentato a due classi prime di una scuola elementare della città, la primaria “Rodari”, per il primo quadrimestre.

Il progetto pilota, dal nome “Oltre le discipline” vorrebbe poi essere proposto ad altri. «Le reazioni dei genitori - dice al quotidiano la dirigente Daniele Barca - sono state di fiducia
e curiosità. Le domande che hanno posto puntavano a comprendere la scheda e il meccanismo di autovalutazione dei bambini. E abbiamo sottolineato l'aspetto raro e prezioso di un momento come questo in cui diventa formativo ascoltare come un bambino,
come un figlio, si percepisce».

Se ci saranno effetti positivi il passaggio successivo è «quello di costruire pagelle per
l'autovalutazione e momenti di riflessione e confronto anche per le altre classi, fino ai grandi della secondaria inferiore».


© RIPRODUZIONE RISERVATA