Famiglie e studenti

Prova d’italiano, quasi uno studente su tre ha scelto la traccia sull’illusione della conoscenza

di Cl. T.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Non sono arrivate le attese tracce sul clima, nè un tema sui 500 anni dalla morte di Leonardo, che pure si celebra quest’anno. La prima prova della nuova maturità, come sempre, ha spiazzato un pò tutti i pronostici, offrendo alla riflessione degli studenti testi di autori del ’900 e proponendo in due diverse versioni l’argomento della legalità, della giustizia e del suo opposto, l’omertà, con «Il giorno della Civetta» di Leonardo Sciascia e una commemorazione della figura del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ma anche il salvataggio di molti ebrei da parte del campione di ciclismo Gino Bartali durante la Shoah.

«L’Illusione della conoscenza» di Steven Sloman e Philip Fernbach, un testo sul paradosso del progresso, è stata la traccia scelta dal maggior numero di studenti, oltre il 30%, dei 520mila maturandi che ieri, a partire dalle 8,30, si sono trovati alla prese con la prova di italiano.

I numeri del Miur
Dai dati diffusi ieri pomeriggio dal Miur. Il 20,1% degli studenti ha invece optato, sempre nell’ambito della Tipologia B, per il brano tratto dal libro «Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà». «Tra sport e storia», la traccia che ruota attorno alla figura di Gino Bartali, è stata scelta dal 13,1% dei maturandi. Subito dopo, con l’11% delle scelte, l’analisi del testo di Leonardo Sciascia tratto da «Il giorno della civetta». Mentre Giuseppe Ungaretti, con la poesia «Risvegli» tratta da «L’Allegria, Il Porto sepolto», è stato scelto dall’8,5% dei maturandi. Stessa percentuale per la prima traccia di attualità, dedicata alla figura del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. L’8% degli studenti ha svolto la traccia dedicata all’eredità del Novecento.

Oggi la seconda prova
Quella su «L’illusione della conoscenza» è stata la traccia più scelta in tutti i percorsi con il 28,8% delle preferenze nei licei, il 34% negli istituti tecnici, il 32,2% nei professionali. Stamane toccherà alla seconda prova scritta, quella d’indirizzo. La novità principale è il debutto delle doppie materie, latino e greco al classico, matematica e fisica allo scientifico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA