Famiglie e studenti

Tra ripetizioni, libri e app si può arrivare a spendere 500 euro

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Maturità 2019: un investimento in termini di fatica, sudore, lacrime e… soldi! Il temutissimo esame spesso richiede anche sforzi economici, a partire dalla tassa d'iscrizione. Questa imposta però non è l'unico costo che i maturandi hanno e stanno affrontando in questo periodo. Addirittura il 20% spenderà complessivamente più di 500 euro per ottenere il diploma. Il 6% starà tra 250 e i 500 euro, l'11% tra i 100 e i 250 euro. A far emergere questi dati è una ricerca di Skuola.net che ha fatto i conti in tasca a 1.100 ragazzi di quinta superiore.


Le voci di spesa sono diverse. Circa 1 su 2 ha dovuto pagare alla scuola che frequenta anche un “contributo volontario” aggiuntivo. La giustificazione? Ragioni organizzative. Inoltre,
nonostante una consistente percentuale di maturandi - 3 su 4 - dica di non averne bisogno, uno dei costi più onerosi per studenti e famiglie è sicuramente quello legato alle ripetizioni: il 15% ha già preventivato di sborsare più di 100 euro per prepararsi ad affrontare la nuova maturità (tra loro non va sottovalutato un 5% che afferma di poter arrivare anche alla somma astronomica dei 500 euro). Mentre un altro 10% non sforerà la quota psicologica dei 100 euro, ma conta comunque di approfondire gli studi fatti in classe con qualche aiuto da
parte di prof e docenti, tramite lezioni extra di recupero e ripasso.


Ma come mai un quarto dei maturandi sente la necessità di prendere ripetizioni? Skuola.net, oltre al mero dato economico, ha indagato anche le motivazioni che spingono a svolgere lezioni private last minute: il 26% di loro ha indicato la scuola come unica responsabile delle sue lacune e incertezze, affermando che non è stata in grado di prepararlo in modo adeguato.

Un altro 24%, però, si prende tutta la responsabilità della propria impreparazione ammettendo di non essersi impegnato quanto avrebbe dovuto. L'ansia che accompagna l'esame di Stato è invece la spinta decisiva per il 16%, accompagnati da un 7% per i quali
la preoccupazione è soprattutto dei genitori. Infine, c'è un 14% di studenti che è mosso dall'ambizione: pur non avendo tutto questo bisogno di ripetizioni, si rivolgerà a tutor privati per mirare ai voti più alti.


Stando all'osservatorio di Skuola.net-Ripetizioni, non è un mistero che la maggioranza degli studenti vada in cerca di ripetizioni di matematica: nel caso dell'esame di Stato 2019, si
aggira attorno al 35% dei ragazzi che prenderanno lezioni private. A cui va aggiunto un 7% che prenderà ripetizioni di fisica (presumibilmente sono studenti del liceo scientifico,
dove la seconda prova multidisciplinare prevede matematica e fisica assieme). Scendendo nella classifica, troviamo un 14% di studenti che approfondirà soprattutto le materie
tecnico-scientifiche, da sempre considerate più ostiche di quelle umanistiche. Italiano, storia, filosofia e le altre discipline classiche vedranno, invece, coinvolto il 13% dei
maturandi; percentuale che potrebbe salire di almeno altri 5 punti percentuale se si considerano anche il greco e il latino (protagoniste del secondo scritto al liceo classico).


Tornando, invece, ai ragazzi che puntano il dito contro la scarsa preparazione fornita dalla loro scuola, il dato è confermato anche da un 30% di maturandi che afferma di voler
comprare libri, guide e manuali per arricchire il materiale di studio in vista dell'esame, ritenendo insufficiente ciò che l'istituto aveva già raccomandato loro di acquistare nel corso
dell'anno. E se tutto questo ancora non bastasse, il 14% dei giovani che stanno per affrontare l'esame di Stato dice che sta frequentando anche dei corsi mirati alla preparazione della
maturità 2019. Ma i maturandi oggi si sa, sono tecnologici, e infatti i numeri salgono di qualche punto quando viene chiesto loro se hanno scaricato anche App di supporto al ripasso. E, sebbene il 10% risponda di averne scaricate solo di gratuite, l'8% ha invece fatto shopping nello store del proprio telefono, arrivando a sborsare anche più di 10 euro (così il 4%).


© RIPRODUZIONE RISERVATA