Personale della scuola

Non solo debito, Bruxelles chiede all’Italia di pagare di più gli insegnanti

di Claudio Tucci

Non solo debito, Bruxelles chiede all’Italia di pagare di più gli insegnanti. «La produttività tendenzialmente stagnante dell’Italia - è scritto nelle raccomandazioni inviate a Roma nei giorni scorsi - è dovuta alle debolezze del sistema di istruzione e formazione e alla scarsità della domanda di competenze elevate. Migliorare, quindi, la qualità del sistema di istruzione e formazione rappresenta una sfida importante».

L’appello dell’Ue
Il punto, secondo Bruxelles, è che servirebbero «ulteriori sforzi per attirare, assumere e motivare maggiormente gli insegnanti». Nel mirino, sono finiti - come spesso accade - gli stipendi dei docenti italiani che «rimangono bassi rispetto agli standard internazionali e rispetto ai lavoratori con un titolo di istruzione terziaria. Le retribuzioni crescono più lentamente rispetto a quelle dei colleghi di altri paesi e le prospettive di carriera sono più limitate, basate su un percorso di carriera unico con promozioni esclusivamente in funzione dell’anzianità anziché del merito». Tutte motivazioni che, a detta dell’Ue, si traducono in pratica in una «scarsissima attrattiva della professione di insegnante per le persone altamente qualificate e in un effetto disincentivante sul personale docente, che a sua volta ha un impatto negativo sui risultati di apprendimento degli studenti».

Perché è difficile innalzare gli stipendi dei prof
Fin qui le raccomandazioni europee. La realtà, tuttavia, è un po’ più complessa. E merita una riflessione. I docenti italiani sono tanti (oltre 800mila, tra personale di ruolo e precari), a fronte di un numero di studenti in progressiva diminuzione. Intorno al 90% dell’intero bilancio del Miur è destinato a pagare il personale scolastico. Parliamo di più di 40 miliardi di euro. Gli insegnanti che non sono impegnati negli esami di Stato hanno tre mesi di vacanze in estate oltre ai “ponti” di Natale e Pasqua. A ciò va poi aggiunto come l’orario di lezione ancora oggi sia di 18 ore settimanali. Si ricorderà, nel 2012, quando l’ex ministro Francesco Profumo tentò di far portare l’asticella da 18 a 24 ore, scatenando subito proteste e manifestazioni in tutt’Italia (e quindi lasciò perdere). Questo per dire che se è certamente vero che le retribuzioni dei docenti italiani sono basse, e sarebbe quindi giusto innalzarle, ciò è reso difficile da altre “peculiarità” della professione, a cominciare dalla dimensione extra large della platea.

Il nodo della (mancata) valorizzazione del merito
Un’ultima considerazione sul merito. A oggi le busta paga dei prof crescono esclusivamente per anzianità, vale a dire con il mero passare del tempo in cattedra. Tutti i tentativi di introdurre una differenziazione degli stipendi legati al merito e alla valutazione è fallita: da Berlinguer, ai progetti Gelmini, al famoso bonus merito di 200 milioni di euro annui voluto da Matteo Renzi. Ma utilizzato in larga parte per garantire gli aumenti dell’ultimo Ccnl. Insomma, soldi che sarebbero dovuti andare previa valutazione ai prof più meritevoli, sono invece andati indistintamente a tutti i docenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA