Famiglie e studenti

L’Infinito di Leopardi compie 200 anni, eventi in tutta Italia

di Maria Piera Ceci

S
2
4Contenuto esclusivo S24

L'Infinito, la poesia forse più bella di Giacomo Leopardi, compie duecento anni. Oltre duemila studenti domani, 28 maggio, ne reciteranno i versi nella Piazzuola del Sabato del Villaggio, su cui affaccia la casa del poeta e lungo le vie di Recanati, città natale del poeta. Nel corso della giornata “#200infinito” verranno anche premiate le scuole vincitrici del Concorso Nazionale “Il mio Infinito”, rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Flash mob in tutta Italia
Recanati ma non solo. Anche tutte le altre scuole sono chiamate a partecipare, con una lettura in contemporanea, alle 11.30, una sorta di flash mob che unirà idealmente le scuole, ma anche diversi luoghi delle città, come piazze, chiostri, biblioteche comunali.
Fra le scuole più attive a Roma, in Piazza di Spagna, gli studenti dell'Istituto Comprensivo “E. Q. Visconti” che coinvolgeranno i presenti in una staffetta di strofe per la recitazione partecipata della poesia. A Milano, i ragazzi dell'IC Maffucci si incontreranno in Piazza Gae Aulenti, mentre gli alunni della Scuola Secondaria di I grado “J.F. Kennedy” di Montefiorino (MO) animeranno alla lettura collettiva nel centro cittadino. Rifletteranno sulla poetica leopardiana gli studenti adulti del corso serale dell'Istituto Tecnico Statale “Aterno-Manthonè” di Pescara, trasformeranno la lirica in danza gli alunni dell'II.SS “De Nittis-Pascali” di Bari. E poi, ancora,L'Infinito viaggerà sulle frequenze di Radio K2 con le voci degli studenti della Scuola in ospedale di Piancavallo (VB). E a Gubbio (PG), dalle finestre della Biblioteca Sperelliana, le famiglie e i nonni del “Centro sociale anziani” accompagneranno la recita dei versi leopardiani da parte dei ragazzi della Direzione didattica 2° Circolo “Aldo Moro”. Motori dell'iniziativa sono il Ministero dell'Istruzione e Casa Leopardi.

Bussetti: «L’Infinito è messaggio di grande forza»
«I testi di Leopardi continuano a parlarci. Noi abbiamo il dovere di testimoniare la modernità e l'importanza del suo pensiero e della sua produzione», spiega il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. «Per questo i versi de L'Infinito usciranno dai libri di scuola per rivivere nella voce dei nostri studenti. Invito tutti a unirsi».
«Abbiamo pensato di riunire i ragazzi in un unico luogo e idealmente in un unico momento per regalare loro un momento di bello corale», racconta la pronipote di Leopardi, Olimpia, la quale ci spiega come il messaggio del poeta sia ancora molto contemporaneo. «Leopardi ha questo modo di raccontare, di farci sentire delle sensazioni che sono le stesse per tutti nei secoli, un modo di raccontare che ha solo lui. Ha questo tocco dorato». Una siepe, quella che Leopardi guardava dalla finestra della sua casa di Recanati affacciata sulle colline marchigiane, che può avere molti significati.
«Guardare oltre la siepe vuol dire cercare di superare i propri limiti. La siepe sono certi limiti che a volte ci imponiamo da soli. L'Infinito vuole essere un messaggio di grande forza».


© RIPRODUZIONE RISERVATA