Famiglie e studenti

Stop al disagio dei bambini: ora basta un clic su Webecome.it

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Una piattaforma formativa online, gratuita, con oltre 150 materiali di approfondimento per 1.300 ore di formazione con video interviste, con l’obiettivo di favorire la prevenzione e il contrastato di fenomeni di disagio sociale dei bambini tra i 6 e i 10 anni. Si chiama Webecome (www.webecome.it ) il progetto promosso dal gruppo Intesa Sanpaolo, contro i disagi dei bambini e a disposizione di studenti e genitori, che è stato presentato nei giorni scorsi a Milano alla presenza, tra gli altri del ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, e del presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro.

Stop bullismo e cyberbullismo
Sono tre i percorsi paralleli destinati agli insegnanti, ai dirigenti scolastici e ai genitori. Sono invece sette i temi affrontati: si va dal bullismo, al cyberbullismo, alla diversità, rappresentata non come differenza ma come unicità di ogni individuo con le sue caratteristiche fisiche, etniche, religiose, alla nutrizione, le competenze trasversali, le dipendenze, soprattutto quelle digitali e, a scopo preventivo alcol e droghe, fino all'educazione civica, per creare cittadini adulti consapevoli. Ogni argomento ha una parola chiave proposta come “antidoto”, e “L’Alfabeto per crescere”: I come insieme (bullismo), U come unicità (diversità), G come gusto (nutrizione), V come vicinanza (cyberbullismo), A come attitudine (competenze trasversali), B come benessere (dipendenze), R come relazione (educazione civica digitale).

Contributi di 60 esperti
«Con Webecome Intesa Sanpaolo sostiene la prevenzione e il contrasto di questi gravi fenomeni che minano il lineare percorso di sviluppo dei bambini fin dai primi anni di scuola
ha commentato il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro, spiegando che «l’esperienza della Banca, che nel 2018 ha erogato più di 9 milioni di ore di formazione ai suoi 90 mila dipendenti, ha permesso di costruire insieme ai qualificati esperti da noi coinvolti uno strumento didattico multidisciplinare che speriamo sarà utile a insegnanti e genitori»..Sono 60 gli esperti che hanno contribuito a preparare i contenuti della piattaforma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA