Famiglie e studenti

Sardegna, sconti sul trasporto pubblico contro la dispersione scolastica

di Davide Madeddu

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Le tariffe scontate sul trasporto pubblico locale per contrastare la dispersione scolastica. Da ieri in vigore in Sardegna quelle che, alla Regione sostengono siano le agevolazioni più vantaggiose d'Italia: riduzione dell'80 per cento del costo dell'abbonamento per chi ha un reddito Isee sino a 25500 euro e riduzione del 60 per cento per tutti gli altri.

Si tratta dell'attuazione della misura contenuta nella legge di Bilancio e che prevede uno stanziamento annuo di 10,5 milioni di euro.

Gli studenti di ogni ordine e grado con Isee familiare non superiore a 25.500 euro, al momento dell'acquisto dell'abbonamento personale mensile, integrato o annuale per tutti i servizi di trasporto pubblico locale su gomma, ferro e via mare, pagheranno solo il 20% del costo totale con una riduzione dell'80%. Stessa agevolazione anche, a prescindere dal reddito, a partire dal terzo figlio studente appartenete a un nucleo familiare con almeno tre figli studenti. Tutti gli altri aventi diritto con reddito superiore al valore corrispondente Isee di 25.500 euro avranno una riduzione del 60% e quindi andranno a pagare il 40% del costo totale dell'abbonamento.

L'agevolazione, chiariscono alla Regione, sarà applicata alle spese per gli abbonamenti utilizzati o utilizzabili nel 2019. Quanto ai modi: «Per gli abbonamenti acquistati nel 2018 e sino a febbraio 2019 sarà effettuato un rimborso definito con successive direttive assessoriali per la spesa riferita all'utilizzo nelle mensilità gennaio-agosto 2019; per gli abbonamenti acquistati a partire da marzo 2019 e sino ad agosto 2019 si pagherà esclusivamente e direttamente in cassa dai vettori la quota scontata dell'80% o del 60% a seconda del reddito Isee».

Una misura che viaggia sulla stessa lunghezza d'onda è stata varata da qualche anno anche in Campania dove per gli studenti residenti ad almeno un chilometro di distanza dalla scuola possono richiedere un abbonamento annuale agevolato, (gratuito per Isee sino a 12500 euro) oppure scontato (dal 20% al 40%) per Isee sino ai 35 mila euro. Possibilità di abbonamento agevolato anche per i dottorandi con Isee non superiore ai 35mila euro e età non superiore ai 35 anni.

A Catania a partire dall'anno accademico 2018/19, gli studenti iscritti all'università potranno usufruire dell'abbonamento gratuito ai trasporti urbani di superficie (Amt) e della metropolitana (Fce), oltre che di alcuni altri servizi inclusi nel contributo onnicomprensivo annuale.

Nel Lazio le riduzioni sono più estese e prevedono un 30% di sconto per tutti i cittadini di Roma e della regione che hanno un reddito Isee inferiore ai 25mila euro; 50% di sconto per tutti i cittadini di Roma e del Lazio che hanno un reddito Isee inferiore ai 15mila euro, +10% di sconto per l'acquisto del secondo abbonamento nello stesso nucleo familiare,+20% di sconto per il terzo e +30% di sconto dal quarto poi.

Trasporti gratuiti, invece, per gli studenti (sino ai 26 anni e secondo anno fuori corso) iscritti all'università degli studi del Molise (la scadenza era quella del 16 ottobre 2018) possono viaggiare gratuitamente sui mezzi delle compagnie di trasporto regionale, e raggiungere, senza costi di abbonamento, le sedi dei corsi di laurea, grazie all'intesa tra l'ateneo e la Regione Molise. Ed in più, l'UniMol mette a disposizione dei servizi navetta gratuiti anche per alcuni collegamenti regionali ed extraregionali.

Agevolazioni anche per gli studenti che frequentano le scuole, sino alla quinta superiore nella provincia di Trento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA