Famiglie e studenti

Oggi torna in scena la notte del liceo classico

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Oggi - dalle 18 alle 24 - torna la Notte nazionale del liceo classico: 433 licei classici d'Italia (sono in crescita, visto che appena dodici mesi fa erano stati “solo” 407) apriranno in contemporanea le proprie porte a chiunque voglia assistere a uno spettacolo insolito per una scuola: maratone di lettura, recitazioni teatrali, concerti, dibattiti, presentazioni di volumi, incontri con gli autori, cortometraggi, cineforum, degustazioni a tema e quant'altro la fantasia e la voglia di fare degli studenti e dei docenti saprà mettere in pratica. Il tutto legato da un filo conduttore: la cultura classica, coniugata però in chiave moderna, per esaltarne ancora di più il valore formativo.

Tutto nasce da un'intuizione di Rocco Schembra, professore di Latino e greco al liceo classico “Gulli e Pennisi” di Acireale (Ct) - come ricorda Skuola.net - subito sostenuta dal ministero dell’Istruzione: spiegare in maniera “evidente” che il curriculo didattico del classico, nonostante tutti gli attacchi, è ancora pieno di vitalità e popolato da studenti motivati, ricchi di grandi talenti e con abilità e competenze che oltrepassano di gran lunga quelle richieste a scuola. Un momento che, in breve tempo, partendo da queste basi ha saputo incuriosire l'opinione pubblica e ha contribuito ad attirare l'attenzione dei media su quello che è ancora la punta di diamante del nostro sistema scolastico.

In tutte le regioni almeno una scuola coinvolta. Da quest'anno, inoltre, la manifestazione si arricchisce con il partenariato siglato tra il Coordinamento nazionale della Notte
del liceo classico, Rai scuola e Rai cultura, che permetterà di avere immagini in diretta dal liceo cassico “Giulio Cesare” di Roma, uno dei più grandi tra quelli che aderiscono
all'iniziativa. Ma l'intero territorio italiano verrà coperto in maniera capillare. In tutte le regioni ci sarà almeno un istituto aperto. Le più rappresentate sono ovviamente le più
popolose, con Campania, Puglia, Lazio e Lombardia a fare da capofila.

Il professor Schembra, su invito dell'Istituto italiano di cultura di Atene, col patrocinio della Federazione delle comunità e confraternite elleniche in Italia e della cattedra di Lingua e letteratura neogreca dell'università “Sapienza” di Roma, a febbraio sarà nella capitale greca per tentare di esportare anche lì il modello della “Notte” e per provare a riaccendere l'interesse per la cultura classica proprio nel Paese che ne è stato la culla.


© RIPRODUZIONE RISERVATA