Famiglie e studenti

Scuole e aziende progettano con maker e artisti

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Con il “Clicode Hackathon” presso la Palestra dell'innovazione di Roma ieri ha preso il via il progetto “+WE - Würth Experience”, promosso dalla Fondazione Mondo digitale e Würth Italia per sostenere lo sviluppo di competenze professionali nei più giovani, la formazione continua dei lavoratori e la sperimentazione di nuovi modelli di business per l'industria 4.0. Hanno presentato l'iniziativa Nicola Piazza, amministratore delegato Würth Italia, e Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo digitale.

Come rendere competitiva un'azienda e guidarla nel processo di trasformazione digitale investendo sulla formazione dei più giovani e su nuove figure professionali? Fondazione Mondo digitale e Würth Italia, azienda leader nella distribuzione di prodotti e sistemi nei settori di fissaggio e montaggio, hanno raccolto la sfida della quarta rivoluzione industriale di trasformare le competenze, tecnologiche e trasversali, nella nuova “tutela del lavoro”, basata sul capitale umano.

L'obiettivo del progetto “WE-Würth Experience” è potenziare le sinergie tra scuola, aziende che interpretano con successo la trasformazione digitale e attori più creativi e innovativi del territorio, a partire dalla comunità di maker. La contaminazione di settori differenti non solo favorisce l'ideazione di prodotti creativi e innovativi ma si apre anche al contributo dell'arte, per condividere nuove interpretazioni delle tecnologie emergenti e nuovi modi di vivere l'esperienza del prodotto.

Ai nativi digitali viene così offerta la possibilità di potenziare competenze strategiche e scoprire settori professionali emergenti, all'azienda l'opportunità di orientare nuove generazioni di professionisti e di esplorare nuovi scenari.

I team al lavoro nel “Clicode Hackathon” alla Palestra dell'innovazione di Roma hanno sviluppato nuove soluzioni per rendere più efficace e coinvolgente il processo di selezione del personale e per migliorare l'esperienza di vendita e la user experience del cliente grazie alle tecnologie IoT (Internet of Things). Hanno guidato il lavoro dei team i formatori della Fondazione Mondo digitale e gli esperti del Talent Ppool di Würth Italia.

Il progetto “WE-Würth Experience” non coinvolge solo studenti, ma anche maker, artisti e creativi e prevede altri quattro moduli: Ux in action, percorso alternanza scuola-lavoro con un modulo basato su User Experience e strumenti immersivi; Mixed media art, inedita interpretazione della formula “Residenza d'artista” che vede un giovane artista a lavoro tra i laboratori digitali della Palestra dell'innovazione e lo stabilimento Würth di Capena; W.Artlab, bottega digitale alla Palestra dell'innovazione per coprodurre un'opera da esporre al Media Art festival 2019 e all'Art Forum Würth di Capena; WE WÜRTH EXPRESS LAB, un corner fisso attrezzato con utensileria e strumenti Würth per creare e stampare “pezzi” personalizzati in modalità veloce.


© RIPRODUZIONE RISERVATA