Famiglie e studenti

A Roma le leggi razziali del ’38 commentate dai bambini

di Alessia Tripodi

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Tenere viva la memoria sulle leggi razziali del 1938, una delle pagine più terribili della nostra storia, raccontata dai disegni e dai testi realizzati dai bambini delle periferie romane. È l’obiettivo della mostra dal titolo “Prendi la tua cartella e vattene” che si inaugura oggi nella Capitale , nel Museo di Roma in Trastevere, dove sarà ospitata fino al 25 novembre con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura. L’allestimento è promosso da Roma Capitale insieme con la comunità di Sant’Egidio e la Comunità Ebraica di Roma.

Spazi evocativi per coinvolgere il visitatore
A 80 anni dalle leggi razziali, l’esposizione vuole proporre una riflessione sulle drammatiche conseguenze storiche, culturali e sociali che esse produssero. Protagonisti di questo racconto sono i bambini delle periferie che frequentano le “Scuole della Pace” della Comunità di Sant’Egidio, centri completamente gratuiti e gestiti da volontari che sostengono il bambino nell’inserimento scolastico e aiutano la famiglia nel suo compito, proponendo un modello educativo aperto agli altri e solidale. I piccoli autori hanno affrontato in maniera approfondita il tema delle leggi razziali e hanno prodotto disegni e testi che formano il contenuto principale della mostra. A questo materiale si affiancano documenti e immagini dell’epoca: pagelle, quaderni, giornali. Concepita per un pubblico giovane, la mostra è stata allestita in uno spazio che evoca un’aula scolastica, luogo familiare della relazione, della cultura, del confronto. Nelle sale saranno presenti veri e propri banchi e sedie concessi per l'occasione proprio dalla scuola primaria “Francesco Crispi”, frequentata all'epoca da Piero Terracina. Inoltre, molti pannelli, sui quali sono stampati disegni e testi, riproducono le fattezze della tipica lavagna scolastica. L’esposizione attraversa gli eventi storici seguendo tre percorsi - esclusione, resistenza culturale, inclusione - che mirano a un coinvolgimento emotivo del visitatore, oltre che alla conoscenza dei fatti.

Ingresso gratuito
Per i possessori della nuova Mic Card del Comune - che al costo di 5 euro apre a residenti e studenti le porte dei Musei Civici per 12 mesi- l’ingresso alla mostra è gratuito. All’inaugurazione, che si terrà oggi alle 17.30, interverranno il presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, e quello della Comunità di Sant'Egidio, Marco Impagliazzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA