Famiglie e studenti

A Ostia nasce un nuovo polo per studiare l’ingegneria delle tecnologie del mare

A Ostia nasce un polo universitario superspecializzato con l'avvio del primo corso di laurea - unico in Italia - di «Ingegneria delle tecnologie del mare». L’iniziativa è dell’Università «Roma Tre» e sede della facoltà è l’ex Enalc Hotel, che in questo modo sarà restituito a una struttura del lungomare ormai chiusa da oltre 40 anni.

L’iniziativa annunciata dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti dieci mesi fa è pronta ad accogliere i 90 studenti già iscritti, ma si prepara ad accogliere in futuro altre centinaia di studenti. Obiettivo del corso è lo studio del mare e la tutela e lo sfruttamento delle sue risorse. Con particolare attenzione - in un’ottica di sostenibilità ambientale - all’uso delle risorse marine in campo energetico, alla realizzazione di infrastrutture costiere e alla protezione dei litorali. Il corso è frutto della collaborazione tra Università Roma Tre, Regione Lazio, Consiglio nazionale delle ricerche e ministero dell’Istruzione e dell’Università. «Solo dieci mesi fa abbiamo raccolto una sfida importante per il litorale romano- ha detto il rettore Pietromarchi- e oggi siamo felici di aver già compiuto la nostra missione. Abbiamo messo a disposizione degli studenti alcune delle migliori risorse scientifiche di Roma Tre. Inoltre tra due anni prevediamo di avviare anche un corso triennnale di Giurisprudenza che contribuirà a fare di Ostia un centro universitario di eccellenza». Gli studenti della nuova ingegneria sono chiamati a diventare professionisti in grado di progettare, ad esempio, piattaforme offshore, impianti eolici, turbine sottomarine e innovative strutture costiere. «L'idea per questo progetto - afferma il governatore del Lazio Zingaretti- mi venne durante la manifestazione di solidarietà al giornalista picchiato, e in quella serata per me fu chiaro che sarebbe stato ingiusto venire solo per dire solidarietà e poi tornare a casa senza l'impegno. Quindi lanciammo questa sfida immensa di rilanciare Ostia e farla diventare una città universitaria. Grazie a Roma Tre e a tantissimi che hanno collaborato è una scommessa vinta. La risposta dei giovani di Ostia è stata straordinaria, oltre cento iscritti, moltissimi dei quali vengono da queste scuole, è un segnale di voglia di riscatto e libertà del quale essere degni. Oggi è una bella giornata, abbiamo dimostrato che si può cambiare, e cambiare significa investire».


© RIPRODUZIONE RISERVATA