Famiglie e studenti

Studenti di agraria pronti e motivati: per il 95,2% l’innovazione digitale sarà fondamentale

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Image Line, azienda hi-tech italiana specializzata nelle soluzioni digitali per l'agricoltura, presenta i risultati di una ricerca qualitativa condotta su un campione di studenti di università e istituti superiori a indirizzo agrario, per fotografare il rapporto tra giovani e agricoltura con un focus specifico sull'utilizzo del digitale.


I risultati presentati da Image line permettono di mappare una nuova generazione di agricoltori. Oltre il 90% di quanti hanno risposto ritiene che l'utilizzo del digitale sia importante per una maggiore efficienza dei processi produttivi (93,6%) e per migliorare la conoscenza del settore (91,7%), con conseguente aumento delle conoscenze tecniche per il proprio lavoro (92,7%). Non solo, ben il 95,2% degli studenti ritiene che i moderni strumenti tecnologici siano sempre più importanti per una maggiore rintracciabilità e sicurezza alimentare.


L'indagine mostra, inoltre, come gli studenti vedano l'agricoltura italiana di domani più sostenibile (50,8%), legata alla tutela del territorio (41,8%) e con meno burocrazia (38,7%). Il ritorno ad un ruolo del settore sempre più centrale nell'economia italiana è auspicato dal 29,7%, i quali vorrebbero anche l'agricoltura di domani guidata dai giovani (30%).


Dal sondaggio emerge che il mestiere della terra è considerato sempre più la nuova strada per le giovani generazioni motivate a costruirsi un futuro a contatto con la natura. Il 58,5% degli intervistati ha scelto di dedicarsi agli studi agrari perché appassionato di agricoltura e del settore ambientale, mentre per il 26% la scelta è motivata dal desiderio di portare avanti un'azienda di famiglia. Queste ed altre forti motivazioni portano il 93,5% ad esprimere la convinzione di voler lavorare in agricoltura finito il percorso di studi.


Ma quali sono le aspirazioni future di chi ha scelto di formarsi nel settore agricolo? Il 41% degli studenti ha dichiarato di voler diventare un imprenditore agricolo, il 29,3% di voler fare il consulente e il 29,7% di voler lavorare in qualità di tecnico presso una realtà produttiva (Consorzio, Op, Cantina).


In un contesto in cui l'Italia detiene la leadership nell'Unione europea per la presenza di giovani in agricoltura, con oltre 55mila aziende agricole guidate da under 35 - secondo quanto dichiarato da Coldiretti sulla base dei dati Unioncamere-InfoCamere - l'indagine di Image line conferma che l'imprenditore agricolo del futuro è sempre più digital. Infatti, riguardo all'uso degli strumenti di cui il moderno agricoltore non potrà fare a meno, centraline meteo (52,1%), web app per la gestione delle operazioni in campo (51,1%), Gps (47%) e sensori (45,1%) conquistano il primato, seguiti da motori di ricerca per agrofarmaci e fertilizzanti (39,4%), droni (33,7%) e robot (10,5%).


Dalla scuola al campo: AgroInnovation Edu
Consapevole dell'importanza di una formazione completa che prende il via già tra i banchi di scuola, Image line in collaborazione con la Rete nazionale degli istituti agrari porta avanti il progetto AgroInnovation Edu, per mostrare agli studenti i vantaggi dell'utilizzo dei più moderni software per l'agricoltura.


Il percorso educativo, che ha validità triennale, si propone di formare gli studenti degli istituti professionali e tecnici agrari all'utilizzo degli strumenti digitali in agricoltura, e si rivolge in particolare ai ragazzi inseriti in percorsi di alternanza scuola-lavoro presso le aziende agrarie degli istituti. Nell'ambito della formazione gli studenti potranno utilizzare QdC® - Quaderno di campagna e fitogest®+, per comprendere meglio come gestire in modo innovativo le operazioni colturali (protezione delle colture, fertilizzazioni, rintracciabilità) e come poter utilizzare i servizi digitali per ottimizzare il lavoro, rendere l'azienda più efficiente ed organizzata, valorizzare le produzioni agroalimentari.


L'iniziativa coinvolge anche i docenti, per i quali sono previste delle sessioni di formazione sull'agricoltura digitale, che rientreranno tra le attività di aggiornamento professionale. Al termine di ogni anno scolastico, Image line premia i tre migliori studenti diplomati di ogni istituto aderente al progetto, con un abbonamento gratuito per un anno ai servizi QdC® e Fitogest®+.


Nell'ambito del progetto AgroInnovation Edu si inserisce anche “AgroInnovation Award”, il premio di laurea che, giunto alla seconda edizione, valorizza le tesi più innovative sui temi inerenti il mondo dell'agricoltura, realizzate nel corso del 2018.


Il bando, al quale è possibile candidarsi fino al 31 dicembre, prevede l'assegnazione di 7 premi del valore di 500,00 euro ciascuno da assegnare alle tesi di laurea triennale e 7 premi del valore di 1.000 euro ciascuno da assegnare alle tesi di laurea magistrale più innovative nelle seguenti tematiche: Economia e ambiente, Agrometeorologia e gestione delle risorse idriche, Ingegneria agraria e meccatronica, Nutrizione delle piante, Difesa delle colture in pre e post raccolta, Innovazione varietale e genomica, Zootecnica.


«Nel corso degli anni continuiamo ad assistere a una profonda trasformazione del settore, caratterizzata non solo dall'introduzione di strumenti sempre più sofisticati a supporto dei lavori nei campi, ma anche un vero e proprio cambio generazionale. Gli studenti che scelgono di formarsi nel settore agricolo continuano a crescere, così come continua a crescere l'offerta didattica», spiega Ivano Valmori, ceo e fondatore di Image line, azienda che quest'anno festeggia 30 anni di attività.


© RIPRODUZIONE RISERVATA