Famiglie e studenti

Arriva la prassi Uni contro bullismo e cyberbullismo

di Al. Tr.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Una prassi Uni per aiutare le scuole a prevenire e combattere bullismo e cyberbullismo attraverso un sistema di gestione applicabile in tutte le organizzazioni rivolte ai minorenni. È quella presentata nei giorni scorsi a Milano nella sede dell’ Ente italiano di Normazione e realizzata in collaborazione con Accredia, l'Ente unico nazionale di accreditamento e le associazioni Fidae (Federazione rappresentativa delle scuole cattoliche italiane), Isre (Istituto Internazionale Salesiano di Ricerca Educativa) e Moige (Movimento Italiano Genitori). Al tavolo di lavoro hanno partecipato anche rappresentanti dell'avvocatura e della magistratura.

La norma
La prassi di riferimento UNI/PdR 42:2018 “Prevenzione e contrasto del bullismo”, spiega una nota, individua i criteri per prevenire e contrastare il fenomeno dei bulli a scuola ed è redatta sia in italiano che in inglese per poter essere applicabile anche a livello internazionale. Lo strumento guida gli istituti nell’applicazione delle prescrizioni di legge sul bullismo e sul cyberbullismo, aiutando quindi a individuare i potenziali rischi, a comunicare con efficacia all’esterno le proprie strategie antibullismo e a rafforzare la fiducia delle famiglie. Le scuole potranno ottenere una certificazione rilasciata da un organismo accreditato, così da poter dimostrare l'adozione e la realizzazione delle misure antibullismo: un’opportunità, spiegano Uni e Accredia, che «rappresenta una novità assoluta nel panorama delle certificazioni in Italia e nel mondo».

Come funziona
La scuola che applica la prassi dovrà adottare documento nel quale si impegna a definire e attivare tutte le misure di prevenzione e di contrasto del bullismo, compresa la vigilanza sugli alunni all’interno dell’ambiente scolastico e negli spazi esterni. All’inizio di ogni anno scolastico l’istituto dovrà adottare un piano con le azioni che prevede di attivare per migliorare la capacità di prevenzione e contrasto del bullismo, da pubblicizzare in una sezione dedicata del proprio sito web. Non andrà tralasciata, infine, la formazione di tutto il personale, che dovrà sottoporsi periodicamente ad audit, sia programmati che a sorpresa, in grado di individuare eventuali situazioni critiche e lo stato di attuazione delle misure prese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA