Famiglie e studenti

Crescono “Gli sdraiati”, un anno di attività dell’associazione pavese

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Continuano le iniziative dell'associazione di promozione sociale “Gli Sdraiati” (www.glisdraiati.it), realtà nata un anno fa, nel centro di Pavia, dall'idea di un gruppo variegato di esperti di adolescenza e famiglia. Psicologi, educatori, insegnanti, artisti, sportivi e maestri di lavoro, riuniti per aiutare i ragazzi ad affrontare le sfide del crescere e gli adulti a rappresentare il ruolo di garanti del futuro.


Le attività proposte vanno dalla psicoterapia alle ripetizioni, dai gruppi di confronto
per ragazzi a quelli per genitori, dallo sport ai laboratori artistici o di cucina, e non
mancano i progetti di recupero scolastico e orientamento lavorativo.
Un’offerta integrata, dove clinica - scuola - educazione e tempo libero si fondono, nel
tentativo di non medicalizzare eccessivamente la presa in carico del dolore degli
adolescenti, ed evitare la frammentarietà dei servizi con cui i genitori che chiedono aiuto
spesso si scontrano.


Obiettivo dell'Associazione è quello di rendere accessibili interventi altamente
specialistici, tanto alle famiglie, quanto agli enti pubblici che hanno a che fare con i
giovani, come i Comuni, le scuole, gli oratori.


L’associazione è sul campo con esperienze concredete e dirette. Come ”Una scuola su misura”, progetto di recupero scolastico e di contrasto alla dispersione pensato per le scuole medie. Con docenti e lezioni quotidiane in piccolo gruppo, centrata sul mantenimento di relazioni di fiducia con le figure d'apprendimento e sull'imparare in maniera interattiva e creativa.

Poi un centro diurno per adolescenti dai 13 ai 18 anni in carico ai Servizi sociali. Si tratta di un accompagnamento psicopedagogico minuzioso, adatto a quegli adolescenti che vivono in situazioni di forte disagio, ma per cui le famiglie possono essere ancora un punto di riferimento e recuperare un ruolo autorevole per la crescita del figlio.

Previsti anche interventi nel penale minorile, con accompagnamenti personalizzati per minori sottoposti a procedimento penale. L'associazione si occupa, insieme ai servizi della giustizia minorile, di sostenere i ragazzi che hanno trasgredito la legge, nell'adempimento delle misure alternative alla carcerazione.

Inoltre, psicoterapia, attività socialmente utili, ripresa formativa - lavorativa e occupazione
del tempo libero. Un accompagnamento alla realizzazione di progetti di “Messa alla
prova”, fondati sull'individuazione dei bisogni evolutivi alla base dei reati e focalizzati
alla costruzione di un'identità positiva e non delinquenziale.

Infine, consulenza online gratuita, con una casella di posta elettronica (consulenza@glisdraiati.it) dedicata alle domande, ai dubbi, alle necessità di confronto e informazioni di tutti quei genitori preoccupati per il proprio figlio, che incontrano difficoltà nel proprio ruolo o che hanno domande riguardo le problematiche della crescita. Quesiti a cui uno specialista dell'associazione risponde entro 24 ore.


«Volevamo dar vita ad una realtà sociale che potesse rispondere efficacemente ai problemi dei ragazzi e dei loro genitori. Una realtà coinvolgente, che unisse sotto l'obiettivo dell'aiuto, professionisti con esperienze diverse maturate negli ambienti frequentati dagli adolescenti. Il nostro tentativo, è quello di non leggere frettolosamente come malattia le manifestazioni sintomatiche dei più giovani, di cui oggi siamo abituati a sentir parlare (trasgressività, autolesionismo, disimpegno, dipendenze, ritiro sociale, hikikomori..), ma di trattarle come risposte al problema del futuro», spiega Luca Dinatale, presidente dell'associazione


© RIPRODUZIONE RISERVATA