Famiglie e studenti

Reintrodurre l’Educazione alla cittadinanza come materia curricolare, partita la raccolta delle firme

di Michol Fiorendi

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Dal 20 luglio è iniziata la raccolta delle firme per la proposta di legge d'iniziativa popolare sostenuta dall'Anci (Associazione nazionale dei Comuni italiani) per (re)introdurre l'ora di educazione alla cittadinanza come materia curricolare, con autonoma valutazione, nelle scuole di ogni ordine e grado.


Nello specifico, questa campagna si propone di far istituire un'ora a settimana dedicata all'educazione alla cittadinanza, materia che si prefigge il fondamentale compito di far conoscere ai ragazzi i principi costituzionali, sensibilizzandone la consapevolezza verso i beni di tutti e verso le norme comportamentali, nonché contribuendo a far crescere nelle nuove generazioni il senso di appartenenza alla comunità che è alla base del vivere civile e solidale.


L'educazione alla cittadinanza, infatti, non dovrebbe restare subordinata al grado di sensibilità dei singoli docenti o dei dirigenti scolastici, né tanto meno dipendere dalla disponibilità di tempo o dal temporaneo svolgimento di un progetto di legalità, troppo spesso confinato a limitate occasioni di ricorrenze storiche.


Questa iniziativa di legge popolare, nata da un'idea del sindaco di Firenze, Dario Nardella, raccoglie già molti consensi, tra cui quello dell'ex premier Matteo Renzi e del sindaco di Bergamo Giorgi Gori che già da settembre introdurrà l'ora di educazione alla cittadinanza nelle scuole della sua zona.


Anche il movimento associativo dei docenti di discipline giuridiche economiche (Apidge), attraverso l'invio di una lettera diretta al ministro Marco Busetti, si è unito a questa proposta, richiedendo presso ogni scuola la presenza di docenti di Diritto per lo svolgimento di lezioni di Costituzione e cittadinanza.


Oltre che negli specifici gazebo allestiti nelle piazze italiane si potrà firmare fino alla fine dell'anno negli uffici comunali, dove sarà anche distribuito materiale informativo ed illustrato l'articolato della proposta.


La proposta di legge è stata depositata in Corte di Cassazione il 14 giugno scorso e sono previste una serie di giornate di mobilitazione ed eventi in varie città italiane per coinvolgere quanta più gente possibile per contribuire a questa campagna di civiltà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA