Famiglie e studenti

Bussetti annuncia: tempi più corti e meno burocrazia per la messa in sicurezza delle scuole

di Eu. B.

S
2
4Contenuto esclusivo S24

Procedimenti sprint per la gestione dei fondi per l’edilizia scolastica. Con l’obiettivo di mettere in sicurezza gli istituti. Lo ha annunciato il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, nel question time di ieri al Senato, ricordando che «il nostro patrimonio edilizio scolastico è particolarmente vetusto. Si pensi - ha spiegato - che il 62% delle scuole è stato costruito prima del 1976 e che circa il 58% degli edifici scolastici non è a norma sotto il profilo della normativa antincendio e circa il 53% sotto il profilo dell'agibilità».

I tempi troppo lunghi
Bussetti ha ricordato che il «tempo medio dei procedimenti attraverso i quali le risorse stanziate nel bilancio dello Stato per finanziare interventi di ristrutturazione ed adeguamento sismico delle scuole pervengono agli enti locali, proprietari degli edifici scolastici, è di circa un anno e mezzo». A cui va aggiungo «quello necessario all’ente per fare le gare di appalto ed eseguire gli interventi. Sono dati molto preoccupanti, soprattutto in considerazione della notevole entità delle risorse, anche di fonte europea, sinora stanziate e non spese. Si tratta di una situazione che non è accettabile, visto che siamo tutti convinti che la sicurezza dei nostri studenti e di tutto il personale scolastico costituisce una priorità assoluta».

Le contromisure
Il ministro annuncia la promozione, d'intesa con il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, della «costituzione di un Tavolo tecnico tra Stato, regioni ed enti locali che sta lavorando perché si arrivi, entro il prossimo agosto, al perfezionamento in Conferenza unificata di un Accordo quadro finalizzato a ridurre gli adempimenti burocratici e tagliare i tempi necessari per l'assegnazione delle risorse agli enti locali proprietari degli edifici scolastici».


© RIPRODUZIONE RISERVATA