Famiglie e studenti

Save the Children, “Fuoriclasse” contro la dispersione

S
2
4Contenuto esclusivo S24


Si chiama Fuoriclasse, il movimento di scuole contro la dispersione scolastica promosso da Save the Children. Due incontri, il primo tenutosi a Napoli lo scorso 18 giugno, il secondo a Milano, hanno visto la partecipazione di oltre 200 tra docenti e dirigenti Fuoriclasse, veri e propri agenti di cambiamento nel proprio territorio che svolgono una funzione di supporto alla formazione di altri insegnanti, alla sperimentazione di attività innovative, alla promozione del movimento a livello locale e nazionale. Gli incontri si sono svolti in collaborazione con i Comuni di Napoli e Milano e hanno visto la partecipazione degli assessori all'Istruzione delle due città.


«La dispersione scolastica in Italia registra ancora numeri molto alti. Quasi il 14% di bambini e ragazzi, infatti, abbandona la scuola prima del tempo. Una delle percentuali più
alte in Europa e che raggiunge livelli ancor più elevati in Sicilia (23,5%), Sardegna e Campania (18,1%). Una emorragia che non accenna a fermarsi e che preclude la crescita e lo sviluppo delle competenze fondamentali per un percorso formativo completo» afferma Raffaela Milano, direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children.
«Per contrastare la dispersione scolastica è fondamentale che si crei un'alleanza culturale, tra scuole e territori. E' sempre quindi più necessario fare rete anche sul territorio per trovare soluzioni comuni a promuovere il successo formativo di bambini e adolescenti», conclude Milano.


Per dare un contributo concreto alla lotta contro la dispersione scolastica, nel 2017 è nato “Fuoriclasse in Movimento”, come azione collettiva e capillare promossa da Save the Children. L'obiettivo del movimento è agire sulle politiche scolastiche, partendo dal dialogo tra docenti, studenti e famiglie. Per questo sono stati creati i Consigli fuoriclasse, tavoli di confronto tra docenti e studenti per definire insieme soluzioni e azioni di cambiamento nel campo della didattica, delle relazioni, della riqualificazione degli spazi scolastici, della collaborazione con il territorio, in seguito ad un'analisi approfondita dei problemi e delle esigenze di ogni singolo istituto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA